Tutti i testi  |  Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


L'odore dei ricordi
Scritto da Mimmi
Categoria altro, genere
Scritto il 11/10/2017, pubblicato il 11/10/2017, ultima modifica il 11/10/2017
Letto 99 volte

Commenti (4) Riconoscimenti Condividi Altri testi di Mimmi Codice testo: 1110201782635
  Attendere caricamento dei dati... (reload in caso di blocco)

Nota dell'autore: L'odore della memoria

1/1

È noto come un odore, o un profumo, siano in grado di risvegliare, anche a distanza di molti anni, sensazioni e ricordi di momenti vissuti nel passato.
È la cosiddetta memoria olfattiva, quella che più di ogni altra resiste a qualsiasi interferenza che possa danneggiarla, opponendosi dunque anche all'inesorabile tempo che passa.
Ecco quindi che un odore è in grado di riportare alla mente momenti ben precisi della nostra vita, assai più di una musica, oppure di un'immagine o di una fotografia.
Allo stesso modo, siamo in grado di ricordare odori a noi familiari, di persone, cose o situazioni che hanno avuto per noi un significato importante.
Odore della memoria e memoria degli odori, insomma.
Sono tanti i profumi e gli odori che appartengono alla mia vita vissuta, fin da quando ero bambina.
Ricordo perfettamente l'odore di mia madre, che sapeva di pane fresco, di bucato, ma anche di un buon profumo, di quelli preziosi, da vera signora come io la vedevo e come lei era, così elegante e raffinata nella sua modestia e semplicità.
Riconoscerei ancora, dopo tantissimi anni, l'odore di mio padre: un misto di tabacco e di acqua di colonia alla lavanda inglese, che ispirava un'autorità appena avvertita, ma sempre presente, silenziosa e discreta, e un senso di sicurezza e di certezze inattaccabili.

Quando penso ai "miei profumi", sento l'odore dei mattoni schiacciati da noi bimbe, per fare la "polenta"; delle bambole, della pizzetta rossa da portare a scuola, della polvere di gesso, delle gomme e dei quaderni, dei libri nuovi e via...fino al profumo del primo amore che, dopo mille baci, ti rimaneva addosso come su quelle lettere che conservo ancora nel cassettino segreto e in fondo all'anima.

Che dire dell'odore più prezioso, custodito dentro al cuore, del mio bimbo piccolino, che sapeva di latte e borotalco, di me e di lui insieme, che sapeva di buono, di coccole, di bello.

Ora sono qui, a respirare il mare. Il suo odore non cambia, penetra fin sotto la pelle, si insinua dolcemente tra i capelli e mi racconta tante cose, di tempi lontani e vicini, di passeggiate, di promesse, di amori vissuti o di quelli mancati, di attese e di gioie, dei primi addii, e dell'ultimo, che mi riporta quel profumo di passione e leggerezza, di libertà rubata.

Se chiudo gli occhi li sento tutti, i miei odori e i miei profumi, la mia chiave segreta per entrare nei ricordi, e riviverli, ma soprattutto respirarli, ancora.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti gratis
Iscriviti alla newsletter
Scrivi il tuo testo
I testi segnalati
Richieste di commento
Archivio articoli e notizie
Forum
Cerca


Pubblicità





Su di noi
- Chi siamo
- Il nostro progetto
-
Termini e condizioni di utilizzo
- Pubblicità
-
Riconoscimenti

Strumenti
- Collabora con Alidicarta.it
- Feed RSS dei testi di Alidicarta.it
- Bottone Alidicarta.it per la Google Bar
- Alidicarta.it su Facebook
- Press kit
Help
- Contatta lo staff
- Regolamento
- Copyright

© 2001-2017   - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore - Vietata la riproduzione - PI:02102630205
Link esterni:
idee regalo | www.codicesconto.com | | Hosting www.dominiando.it