Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


PRESENTIMENTO
Scritto da AnHoldMan
Categoria: Narrativa - Altro
Scritto il 11/07/2018, Pubblicato il 11/07/2018 10.02.42, Ultima modifica il 11/07/2018 10.02.42
Codice testo: 117201810241 | Letto 30 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Stamane ho avvistato da lontano una coppia di anziani che mi veniva incontro. Per qualche motivo mi hanno colpito, anche se sulle prime non riuscivo a cogliere i dettagli che poi man mano che si avvicinavano si sono svelati.

Procedevano appaiati seppur con andatura diversa: fluida e leggera quella della donna, marcata e quasi pesante quella dell’uomo. Non erano molto alti e di ugual statura; lui robusto e quadrato ma piatto di pancia e lei snella, con bianchi e lunghi capelli tenuti sciolti come una ragazza. I capelli di lui come lana di ferro con la tonsura del tempo.

La donna indossava un lungo vestito di tessuto chiaro, ravvivato da piccoli disegni a forma di foglioline verdi che le ondeggiava con grazia intorno alle caviglie sottili. L’uomo era in camicia color cielo, con le maniche corte e pantaloni color cachi sorretti da una spessa cintura di cuoio; da lei irradiava ancora la grazia della passata gioventù e in lui si scorgeva l’impronta di una forza grande e indomita.
Camminavano, lei dalla parte del muro, tenendosi per mano nel modo dei giovani innamorati: con i palmi serrati e le dita intrecciate.

Lui avanzava serio in volto e lo sguardo fisso in avanti con una determinazione venata di dolorosa fatica e contraeva ritmicamente le dita di una mano, come dovesse alleviare una grande tensione: lei gli stava al passo leggera e senza sforzo sforzo, muovendo ritmicamente il capo da sinistra a destra. Mi parve canticchiasse, lo sguardo ignaro e un vago sorriso aleggiante in volto.

Quando mi hanno superato, senza vedermi, mi sono girato a guardarli. La grande mano di lui serrata a quella della donna e la silhouette leggera di lei, e all'improvviso ho avuto la certezza che l’uomo stesse conducendo la sua compagna, ormai inconsapevole di tutto, lontano da se e dalla loro casa, per consegnarla ad altre mani, e separarsi ineluttabilmente da lei.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it