Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


ciao, per un po'.
Scritto da FilippoDiLella
Categoria: Poesia - Altro
Scritto il 12/01/2017, Pubblicato il 12/01/2017, Ultima modifica il 12/01/2017
Codice testo: 121201718534 | Letto 308 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

E niente, solito bar,
solite facce,stesso vivere calmo.
Solito paese, stesse idee.
Solita sigaretta.
Calma, ragazzo,
calma.
Bicchiere, birra,psoriasi.
Derapo con la mente
in sentieri assurdi e poco battuti.
Luci di lampioni,
alberi di natale abbandonati per la via.
Sto seduto eppure cammino.
Vedo montagne russe
e il barista che sogna in bianco e nero.
Il banco mi fa compagnia,
marmo accogliente.
Sgommero' via da qui,
cercherò altre case;
cercherò altri io da scavare.
Lui alza lo straccio,
si sta lasciando andare,
lo sento;
si sta arrendendo.
La radio passa una musica decente.
C'è poca luce,
penso a quel prato verde...
Sapete?!
Una volta ho visto morire un riccio.
Bhe...
Una volta ho ucciso un riccio.
Le campane oggi non hanno suonato.
Emitischi,
mezzi bicchieri.
E poi ho pensato ad un lieto fine,
alla salvezza;
ci ho pensato
solo che non c'era,
scusate.
E questo è quanto.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it