Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


SATIRA AL PECCATO ORIGINALE
Scritto da gabrielevacca34
Categoria: Poesia - Altro
Scritto il 12/05/2017, Pubblicato il 12/05/2017, Ultima modifica il 12/05/2017
Codice testo: 12520176580 | Letto 877 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore gabrielevacca34:
SATIRA AL PECCATO ORIGINALE

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente


IN ILLO TEMPORE, IL NOSTRO CREATORE
ERA UN POCO INDECISO SUL DA FARE
E SENTIVA UN LEGGERO MALUMORE:
VINTO IL DUBBIO, FU RAPIDO A CREARE
L' EDEN, PIU' BELLO DI PIEVE DI CADORE
E AD UN GESTO, LA MERAVIGLIA APPARE.

COSE BELLE, NE AVEVA FATTE TANTE
MA QUESTA SUPERAVA OGNI BELLEZZA
E NELLA MENTE TANTO ESUBERANTE
L' IDEA BALENA, COME SOAVE BREZZA:
QUI' CI VORREBBE UN BUON BADANTE
E MENTRE PENSA, AGISCE CON DESTREZZA
ALITA, E COMPARE VICINO QUEL GIGANTE:
ERA L' UOMO, FATTO CON TANTA SAGGEZZA.

FU MUNITO DI TUTTI GLI ATTRIBUTI
COMPRESA LA PAROLA CON L' UDITO:
ORA, DISSE DIO CON TONI ARGUTI
TERRAI QUESTO GIARDINO CUSTODITO:
I FRUTTI, POTRAI MANGIARLI TUTTI
MA IL FRUTTO DEL MELO E' PROIBITO:
SE MANGERAI DI QUESTI STRANI FRUTTI
PERDERAI QUESTO POSTO TANTO AMBITO.

ADAMO, LO CHIAMAVA IL NOSTRO DIO
SO CHE TI PIACE QUESTO POSTO AMENO
IO TI HO VOLUTO FARE A MODO MIO
MA SE AVESSI SBAGLIATO, NON DI MENO
RIPARERO' PRENDENDO UN ALTRO AVVIO:
TI DARO' COMPAGNIA PER STAR SERENO.

E QUANDO L'UOMO VIDE LA COMPAGNA
RINGRAZIA TANTO IL SIGNORE:
VIVEVANO FELICI LA IN CAMPAGNA
FINCHE' IL SERRPENTE TENTATORE
DISSE AD EVA, CON VOCINA LAGNA
NON CREDERE CH' IO SIA INGANNATORE
MANGIANDO QUESTA FRUTTA, POTERE SI GUADAGNA
E DIVERRETE SAGGI, PIU' DEL VOSTRO SIGNORE.

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it