Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


PROEMIO DELLA BELLA ESTATE
Scritto da Domenico De Ferraro
Categoria: Poesia - D'amore
Scritto il 12/06/2018, Pubblicato il 12/06/2018 21.04.02, Ultima modifica il 12/06/2018 21.04.02
Codice testo: 12620182142 | Letto 176 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina Pagina precedente 2/2

[...]
Mi hai cercato sulla soglia di un bel sogno, mi hai torturato con i tuoi pensieri, con la moglie ed il bambino , con il gagà ed il lacchè, con il mastro costruttore , con il prete un po’ in-capace , con l’amante ed il lestofante, in questo tempo cosi amaro , così dolce da assaggiare, così bello da amare in riva al mare, in riva a questo mare di rime , stretti , stretti nella macchina che traballa ad ogni botta , che si muove dentro me , che rende dolce il canto, dolce dentro un orga-smo che sale per nuove mete fino a giungere a Sorrento . Seduti in una macchina gialla e verde ascoltando questa canzone che risuona nell’aere puro , che risuona mesta e gaia nel ricordo , nel dolore dell’atto coniugale.





E ti chiamavo ad ogni ora , tu cattiva mi attaccavi la cornet-ta in faccia , mi dicevi : vattene via , ogni cosa e finita tra noi . Nun a voglia fa questa vita , nu me vogliò chiù rovina per te . Te pigliate a vita mia, te pigliate tutte e suonno miei, te pigliate chesta ammore, chesta storia deve finire . Esco fuori di testa dentro questa sciorta . Sotte alle stelle , mane e mane, passeggiando in riva al mare. Passeggiando dentro a quest ’ammore, dentro a questo tormento, dentro al cuore di milione di persone , dentro una storia che tuz-zelea fore alla porta che chiede di entrare per raccontare l’inverosimile vicenda personale.


Ora che tutto è finito il Sole , rinasce , scalda i tanti versi nella insana inquietudine che splendono in mezzo al cielo , per lidi immemori , per giorni dal sapore di mare , in im-perturbabile agonie , giorni sinceri , giovani , forti e sono morti , son morti cantando inni al signore , inni alla patria , inni per anni dolenti , che sono parte di nostro vivere. Versi nell’insieme cretini nati dalla nostra volontà di crescere. Frutto di un amore sensuale , frutto di questa morte che bussa lesta alla mia coscienza . Che m’appaiono davanti ad uno specchio senza nome e senza motivo con chi stare seriamente, solo dentro le mie mutande, nei miei ricordi ri-dicoli di uomo dabbene ed egoista , con le mie fisime et stimmate alle mani con la gioia di essere , con te in me che si congiunge in un ipotetico amplesso senza sesso descritto in pochi versi senza senso.

Torna alla prima pagina Pagina precedente 2/2



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it