Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Luoghi e Non Luoghi Moderni.
Scritto da Mauro91
Categoria: Opinione
Scritto il 13/12/2017, Pubblicato il 13/12/2017, Ultima modifica il 13/12/2017
Codice testo: 1312201795548 | Letto 71 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

La diffusione dell’urbanizzazione e dei mezzi di comunicazione di massa ha sicuramente rotto il tradizionale legame tra il luogo e la situazione sociale che si vive, per cui ad ogni luogo sono associati dei ruoli, delle regole sociali e delle specifiche condotte di vita, confondendo molto le idee legate a vari luoghi: un esempio sono la scuola, la chiesa e la famiglia che definiscono certe identità da assumere, mentre la strada o la piazza diventano non luoghi, cioè luoghi non più legati ad una relazione interpersonale.
Il “Non Luogo” è certo uno spazio attraversato da persone, ma soprattutto uno spazio che non comporta l’assunzione di regole o/o responsabilità, in cui un individuo non può definirsi e tanto meno è capace di costruire trame relazionali, né di raccontare lo scorrere del tempo. Alcuni spazi moderni definiti Non Luoghi dai moderni sociologi sono lo sportello del bancomat in cui si prelevano soldi, il distributore di bevande o di sigarette, una supermercato in cui si va a fare la spesa o anche semplicemente un viaggio in autostrada.
Lo spazio abitato dai giovani è fatto sempre più da non luoghi dove non si sperimentano delle identità, non vi sono particolare richieste situazionali ma solo prescrizioni teoriche (es. “Non si Fuma”, le regole per usare l’ascensore etc…). Ma il Non Luogo può essere utile per offrire al giovane una serie di incontri con la diversità, fuori dalla portata di stereotipi e/o pregiudizi.
Questi Non Luoghi rischiano però di essere spazi in cui vengono costruite delle relazioni basate su una visione dell’altro abbastanza virtuale, senza appunto riconoscere la vera identità delle persone e senza riflettere sulla propria. La struttura urbana che distingue le zone di centro da quelle periferiche distribuisce in modo non omogeneo dei luoghi con funzioni di scambio e socializzazione, i quali sono presenti soprattutto in zone centrali; nelle zone periferiche, invece, i centri aggregativi sono gran pochi, e ciò, come già detto in precedenza, offre pochissime opportunità di autorealizzazione personale: una conseguenza di ciò è la nascita di gruppi informali di ragazzi, a volte molto giovani, che si ritrovano in luoghi senza particolari caratteristiche utili a qualsiasi cosa.
Si arriva così ad avere dei giovani i cui rapporti sociali sono sempre più poveri, fatti di tempo consumato nell’esclusivo stare insieme: per alcuni giovani questo può essere il momento in cui si manifesta il disagio, in quanto è un momento segnato dalla distruttività dei gesti che vanno dal vandalismo alla micro-criminalità, e in alcuni casi all’uso, ma spesso e volentieri fino all’abuso, di alcolici e di droghe di vario genere.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it