Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


L'INSETTO...
Scritto da circense
Categoria: Altro
Scritto il 13/05/2017, Pubblicato il 13/05/2017, Ultima modifica il 17/05/2017
Codice testo: 1352017111611 | Letto 450 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore circense:
L'INSETTO...

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente


Bella sciacquatunazza come na doccia r'acqua frisca
cu li pensieri ti giro attorno r'incapu e di sutta come na musca
lu ciatu tiratu lu cori ca sbotta ma a vuci s'è rotta
comu un nodo in gola ca mi pari na cravatta
Un altro passaggio a natra anticchia, vicino ne iuorna
u tempu c' azzizzo sta vendetta contro la mia timidezza
tu maledetta! Mi pari na setta di cattive intenzioni
ca mi fannu trimari li ammi
e comu un'ancora calata 'nto funnu ru mari
ca senza a so catina un si po' sullivari
io resto ancorato a sta seggia e ti taliu ma un mi sacciu catamiari.
Natru cafè pi favuri, na birra, un the, un panino un bignè
mi manciu a leggittima mi pigghiu un frappè.
Stu chiosco nto friscu r'un peri ri ficus
sarà a me cundanna fino a quannu m'arripigghiu
o finu a quannu na sacchetta m'arresta un po' di lanna.
E fammi compagnia tu, tronco secolare!
Parlami...
Dammi un consiglio, n'aiuto ri frati.
Tu che avrai visto migliaia ri cori affamati
ca ncapu sti seggie di chiantu e lacrime arristaru abbandonati
infranti,abbagliati da un amuri accecante
Regalami na foglia, un pezzo ra to vita china d'esperienza
ca staccannusi o chiantu ra mia sofferenza
sinni scinni araciu araciu e si posa ncapu o me petto
unni c'è lu me cori malato.
Finivu ri fari l'insetto; m'arresta a speranza
e chi manu o cielo io ti invoco, ti aspetto.




bella acqua e sapone come una doccia fresca
i miei pensieri ti ronzano attorno da sopra a sotto come una mosca
il fiato corto il cuore che sbotta la voce rotta
come se avessi un nodo in gola una cravatta stretta
Passa ancora da qui tra un po'
il tempo di organizzare una vendetta contro la mia timidezza
tu maledetta che somigli ad una setta dalle cattive intenzioni
che mi fanno tremare le gambe
e come un'ancora gettata sul fondo del mare

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it