Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Canto di Natale - Adattamento di Esmeralda Moretti
Scritto da EsmeMore
Categoria: Altro
Scritto il 13/09/2016, Pubblicato il 13/09/2016, Ultima modifica il 13/09/2016
Codice testo: 139201681012 | Letto 1337 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore EsmeMore:
Salve a tutti, sono una ragazza di 15 anni. Ho scritto questo adattamento teatrale della celebre opera "Canto di Natale", ma non avendo nè l'età nè i mezzi per rappresentarlo, spero possa essere letto da qualcuno.

Torna alla prima pagina 1/11 Pagina seguente






CANTO DI NATALE
Adattamento di Esmeralda Moretti


PRIMA STROFA
IL FANTASMA DI MARLEY
Narratore: Marley era morto. Tanto per cominciare. Su questo non c'è alcun dubbio. Era morto, morto stecchito. E si sa, a tutto c'è rimedio... fuorché alla morte. Marley, disonesto uomo d'affari che rubava alle vedove e truffava i poveri, era proprio morto. Come si suol dire... “vizio di natura fino alla fossa dura”.
Per rendere l'idea, potremmo paragonare la morte di Marley a quel momento in cui ad un bambino vengono tolti gli elementi caratteristici dell'infanzia, come un ciuccio. Ritengo importante però sottolineare che in questo paragone, Marley è il ciuccio. Al contrario, il bambino che verrebbe privato di qualcosa che lì per lì sembrerebbe fondamentale, è il suo socio in affari Scrooge. Ma proprio come un bambino sente per pochi giorni la mancanza del ciuccio e poi impara a farne a meno e a conservarne solo un lontano e sbiadito ricordo, così Scrooge aveva fatto con Marley.
E forse, infondo, quel nome era ancora lì perchè Scrooge era troppo pigro per toglierlo.
(Entra Scrooge e si aggira per la scena con una fotografia di Marley in mano)
Narratore: Lui e Scrooge erano stati soci per non so più quanti anni... Scrooge era il suo unico esecutore testamentario, unico amministratore, unico erede, unico procuratore, unico amico, e l'unico a lutto. E persino Scrooge non era poi così terribilmente sconvolto dal triste evento da non celebrarlo, da vero uomo d'affari qual era, con un accordo senza dubbio ottimo il giorno stesso del funerale.
Scrooge: Marley è morto.
Narratore: Si Scrooge, ho già detto che Marley è morto...
Scrooge: Ah l'hai già detto?
Narratore: Eh si...
Scrooge: Bisogna che ciò sia perfettamente chiaro! O dalla storia che stiamo per raccontare non nascerà nulla di meraviglioso...
Narratore: Certo che, signor Scrooge, mi permetta di dire che la scritta sulla porta del magazzino confonde non poco le idee... (indica la scritta “Scrooge & Marley”)
Scrooge: Non ho mai cancellato il nome del vecchio Marley dall'insegna. Anni dopo la sua morte, la ditta è ancora nota come Scrooge & Marley. A volte chi non mi conosce bene, mi chiama con il nome di Marley.
Voce da dietro le quinte: Signor Scroooooge!
Scrooge: Mi chiamano. Con permesso... (esce)
Narratore:Oh, certo che Scrooge è uno che ha la mano pesante sul lavoro: un avido, brusco, feroce, indomabile, vecchio peccatore! (entra un signore che legge il giornale) Misterioso, introverso, solitario come un'ostrica.
Signore con il giornale: Hey voi, state parlando del vecchio Scrooge, per caso?
Narratore: Lo conoscete?
Signore con il giornale: E chi non lo conosce qui in città? Lavoravo per lui, una volta... il freddo che ha dentro gli ha gelato l'anima (entra una donna con un bambino). Quando lavoravo per lui, si portava sempre addosso questa temperatura polare, gelava l'ufficio persino nei giorni di afa. E dalle voci che sento, non credo sia cambiato molto...
Donna con bambino: Ma parlate per caso (tappa le orecchie al bambino e quasi sussurra) del signor Scrooge? (i due annuiscono) Ah, brutto affare quell'uomo... Caldo e freddo esterni hanno poca influenza su di lui (entra un cieco, con un cane di peluche). Nessun tepore esterno lo può scaldare, nessun clima invernale lo fa rabbrividire. Nessun vento di bufera è più gelato di lui, non c'è maltempo che possa batterlo.
Cieco: Il mio sesto senso mi dice che qui si parla di Scrooge. Perfino il mio cane lo riconosce. Quando lo vede arrivare, mi trascina lontano, e poi scodinzola, come per dirmi “meglio non avere occhi che avere il malocchio, mio caro padrone!”
Scrooge: (entrando) E io me ne infischio dei fannulloni come voi! (la gente inizia a scappare) Anzi, preferisco non avere proprio nulla a che fare con i perditempo! (li caccia via e si siede alla scrivania)
Scrooge: Bah, questi buoni a nulla devono disturbare anche alla vigilia di Natale. E Bob? Dov'è Bob? BOOOOB!
Bob: (arriva correndo) Signor Scrooge, mi dica!
Scrooge: Torna subito al lavoro!!
Bob: Subito, signore.
Scrooge: Dove eri finito?? (Si siede alla scrivania. Sulla scrivania c'è una lattina vuota e dei soldi. Mentre parla conta i soldi e sorseggia dalla lattina)
Bob: Vede signor Scrooge, pensavo di avere il permesso di staccare un po' prima dato che oggi è il 24 dicembre, e domani quindi è il 25, e il venticinque quindi è...
Scrooge: (interrompendolo) E tu credi di poterti prendere queste stupide libertà solamente perchè si avvicina la festa più inutile e stupida dell'anno, e cioè il...
Nipote: (interrompendolo entra correndo con una ghirlanda di Natale in mano) Nataleeeeeee! (detto con emozione ed entusiasmo) Buon Natale Zio! Buon Natale anche a te Bob! Dio ti protegga!
(Bob fa per alzarsi per fare gli auguri ma Scrooge lo riprende)
Scrooge: Seduto Bob! Al lavoro!

Torna alla prima pagina 1/11 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it