Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


TRASFORMAZIONE E CONVERSIONE, GRAZIE...
Scritto da GIUFOR
Categoria: Altro
Scritto il 14/06/2018, Pubblicato il 14/06/2018 11.04.26, Ultima modifica il 14/06/2018 11.17.37
Codice testo: 146201811426 | Letto 186 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Si materializzò una stanza nel mezzo del cielo,
era stata trascinata e portata all'improvviso da
un vento forte e foriero proveniente dal Paradiso.

Le pareti immacolate, da vesti candide erano
tappezzate, il soffitto era illuminato dalle aureole
di consacrati Santi e Beati, una finestra si apriva
a Levante, un'altra si apriva invece a Ponente e
nel mezzo un balcone traboccante di fresche rose
di Maggio e una Signora affacciata e contornata da
un alone di soffuso cadmiato giallo e celeste...
ai sottostanti ne faceva omaggio,
un groviglio di mani si protraeva nel cielo e inerpicate
ad esso c'erano reste di intrecciati Rosari e
trasparenti neri veli.
Alla finestra di Levante s'innalzarono suppliche,
preghiere e promesse di ravvedimento, dalla finestra
di Ponente, avvenuta una trasformazione, caddero
tutte le bestemmie, tutti i torti, le omissioni e a pioggia
tante lacrime di pentimento, questi però non potevano
essere dispersi nel cielo, ma solo e sempre sulla Terra,
come fertilizzante per i restanti peccatori e miscredenti,
e che poi dalla sua fomentazione nonché trasformazione
potessero loro cogliere alla pianta, la luce della Conversione,
non esiste Conversione se non nasce prima l'inconvertibile.
La stanza a notte diventava una luminosa Stella-Grotta,
vi si raccoglieva la Fede Risorta e non più sopita dalla
luce fioca dell'agnosticismo imbelle o sotterrata dalle
tenebre di una ateistica convinzione, ma Risorta solo
da un nuovo credo creato e generato dalla forte luce
della Conversione, anche se arrogante, anche se accecante,
anche se ribelle... era soprattutto rivelata e donata.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it