Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Verso una Nuova Letteratura: LO STILE.
Scritto da Mauro91
Categoria: Opinione
Scritto il 15/10/2017, Pubblicato il 15/10/2017, Ultima modifica il 15/10/2017
Codice testo: 1510201710440 | Letto 421 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Come si potrebbero comporre opere che possano arrivare ed essere ben comprese da tutti senza particolari problemi? Una prima risposta che mi viene in mente riguarderebbe appunto il linguaggio delle opere. Scrivere un romanzo o una poesia, piuttosto che un’opera teatrale, con un linguaggio molto impegnato e che in pochi sarebbero in grado di comprendere, è un lavoro decisamente inutile. Per essere un’opera comprensibile da chiunque, deve avere un linguaggio comune: certo senza volgarità o errori ortografici, ma bensi con un lessico che tutti possano comprendere non bene, ma benissimo. Il come ci si pone nei confronti del pubblico e dei lettori è, infatti, una delle basi per poter essere apprezzati, e per poter fare si che venga apprezzato anche il proprio lavoro.
Troppe volte, infatti, vi sono stati autori che hanno voluto rivolgere i propri scritti ad un pubblico molto vasto, facendo nel contempo l’errore di usare un linguaggio ed un lessico troppo elaborati: non sta a me valutare gli errori, se così si possono definire, che gli altri hanno commesso, non essendo io un critico o un professore di letteratura. E ci tengo, per un’altra volta, a smuovere gli animi, non il commentare, facendo notare dettagli errati ed il determinare ciò che qualsiasi altra persona volesse fare o dire. Preciso e sottolineo questo precedente passaggio, prima di essere additato come una persona che voglia essere messa al di sopra degli altri: questo per evitare che si possano creare fraintendimenti o malintesi.
Tornando allo scopo principale di questo mio scritto, bisogna quindi fare molta attenzione a come si organizzano e poi come si pongono le idee e gli argomenti che si vogliano fare conoscere e divulgare attraverso le opere; un linguaggio “TERRA A TERRA” potrebbe essere, anzi è, in sintesi, il modo migliore per poter rivolgere il proprio lavoro al maggior numero di lettori: ciò non è necessariamente per avere un numero maggiore di lettori, ma per poter permettere a un numero maggiore di lettori di poter accedere all’opera, alla conoscenza e a qualsiasi tipo di cultura.
Oltre al linguaggio si potrebbero considerare, oltre gli avvenimenti a cui la gente si trova di fronte quotidianamente, pure varie figure retoriche, piuttosto che degli aforismi o latro, che possano essere usati per dare un’idea migliore di ciò che si sta descrivendo, in modo che ciò possa essere compreso meglio.
Un altro aspetto potrebbe anche essere, come già ho citato in precedenza, l’uso di figure e azioni quotidiane che, con linguaggio semplice e coinciso, potrebbero aiutare a creare espressioni o situazioni sempre più vicine alla vita quotidiana delle persone normali, così che tutti possano avere la possibilità di usufruire e di poter comprendere sempre meglio la letteratura.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it