Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Il Capriolo
Scritto da maz
Categoria: Poesia
Scritto il 15/08/2012, Pubblicato il 15/08/2012, Ultima modifica il 11/11/2017
Codice testo: 1582012124314 | Letto 223 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore maz:
Non ti ho mai scordata...

1/1

IL CAPRIOLO

Era tarda sera…

E d’improvviso ti vidi lì,
il corpo scomposto
in mezzo alla strada,
sferzato dal vento,
da scrosci di pioggia,
a morte colpito.

E corsa a te appresso,
posai la mia mano
sul caldo torace,
e t’accarezzai
per placare un poco
il povero cuore,
che per il gran trauma
pareva impazzito.

Giunse altra gente,
la pioggia incessante…
Il corpo fremente
spostai verso il ciglio.

Volevi fuggire,
sfuggire alla morte,
scacciar quella sorte
che giovane vita,
forte e selvaggia,
non poteva accettare.

Gl’occhi di sangue
cercavan conforto,
e il tuo corpo sano
di femmina intonsa,
sprezzava il destino
che, pian, t’ammantava…

Rimasi vicina
illusa a lenire
la lenta agonia
triste e solitaria.

Un capannello
di poche persone
ci stava d’intorno
scuotendo il capo.

La pioggia impietosa
inzuppava le vesti
bagnava i capelli,
rigava i volti.

Il tuo sguardo smarrito,
già fisso nel vuoto,
via via si spegneva,
così come Vita
t’abbandonava…

Dalla tua bocca
un rantolo sordo,
vana protesta
al crudele destino,
usciva ansante
dal corpo stremato.

A me ti stringevo
per calmare i tuoi spasmi,
ammirando in silenzio
il fiero dolore,
soffrendo con te
le inutili pene
del tuo dipartire.

Investita da un’auto,
scappata per tema,
forse soltanto,
di qualche tuono …

E quando un aiuto
ti giunse sincero,
l’ultimo fiato
uscì dal tuo petto,
nuvola bianca
svanita nel vento…

E ancor carezzando
il morbido manto,
ascosi il mio pianto,
soffocando il dolore.


(L’episodio è realmente accaduto la sera
del 6 luglio 2008, nella zona di Prosecco,
sull’altipiano carsico, nei pressi di Trieste)

Trieste, 21.7.2008
Marina Assanti

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it