Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Canti celtici
Scritto da EmmeBi
Categoria: Recensione
Scritto il 17/10/2007, Pubblicato il 17/10/2007, Ultima modifica il 17/10/2007
Codice testo: 1710200714123 | Letto 7642 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore EmmeBi:
L'autore è nato a Mantova e ora risiede a Virgilio.

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


CANTI CELTICI di Renzo Montagnoli
© Edizioni Il Foglio 2007 Pag. 76 € 10,00
ISBN 978 – 88 – 7606 – 162 – 2

Il libro di Montagnoli è una raccolta di canti delicati che anche là dove gridano per farsi sentire,
sono acquietati da quel senso nostalgico che li pervade.
Montagnoli ci vuole comunicare il senso dei valori che si è via via smarrito nella nostra odierna società; ci interroga, chiedendoci cosa lasceremo ai “posteri già nati senza memoria”.
I suoi scritti sono liriche anticheggianti che meglio si addicono al popolo celtico che ha popolato anche la pianura padana, dove l’autore risiede, rifacendosi a esso e ai suoi valori: la famiglia, la comunità e la spiritualità. Sentimenti di cui Montagnoli avverte l’assenza o l’estinzione.
Per far questo si fa attento osservatore della natura, l’unica essenza ancora vera che ci è rimasta, ma anche lei vittima della mano dell’uomo.
Affida alla natura e ai suoi fenomeni la sua voce.

IL MORMORIO DEL VENTO
E' il vento che porta le voci,
sommessi mormorii,
quasi salti di ruscelli,
una nenia lontana
che invoca un ricordo,
che non placa la sete di gole
serrate dalla polvere del tempo.
Erano genti che cavalcavano
quest’umida terra,
una brughiera coperta d’erica.
Erano uomini vissuti prima di noi,
il seme di queste piante
che troppo presto dimenticano le radici
e vogliono correre verso il nulla.
Non uomini,
oggi,
ma spettri.

E ripercorre ricordi di un vissuto dove c’era meno, ma nel quale l’uomo aveva modo di trovare ancora lo scopo del suo vivere.

LA FAMIGLIA
Nella magia del tramonto,
lasciati i lavori del giorno,
il ritorno alla casa,
al riposo di un desco,
a chiacchierare con mogli e figli.
Fra le ombre del fuoco
che lento si spegne nel camino
l’ascolto della voce del nonno

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it