Tutti i testi  |  Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Harry
Testo segnalato dallo staff Scritto da Clement White
Categoria narrativa, genere altro
Scritto il 18/09/2008, pubblicato il 18/09/2008, ultima modifica il 18/09/2008
Letto 3428 volte

Commenti (10) Riconoscimenti Condividi Altri testi di Clement White Codice testo: 189200820048
  Attendere caricamento dei dati... (reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


Harry 7 dita ha passato una vita a lavorare tra orari notturni,un divorzio,debiti e 3 dita regalate alla macchina raddrizza tubi,nella piccola trafileria dove ha lavorato per 12 anni.
Per anni,da sempre,i giorni hanno avuto lo stesso sapore acro,mentre le notti velate di solitudine spesso,troppo spesso,avevano il viso di lei,di Amalia.
La sua Amalia.
Quelli con lei sono stati i giorni più dolci della sua vita,tre anni in cui le ore a lavoro si arenavano nella voglia di tornare a casa da lei,diventando quasi interminabili.
Per molto tempo provarano ad avere un figlio che non arrivava,pazientarono,riprovarono,ma più lei non restava incinta più qualcosa tra loro si spezzava,così decisero di fare gli accertamenti di rito.
Harry non poteva avere figli.
Il mondo crollò,il cielo sputò su di loro gli avanzi del loro grande sogno masticato,e Amalia non riuscì più ad amarlo.
Harry passò i ventanni successivi lavorando,lavorando e lavorando.
Gli amici si sposavano,mettevano su famiglia...e sparivano,per loro la vita andava avanti,per Harry sembrava essersi fermata su un binario morto,non si andava ne avanti ne indietro.
Sveglia alle 6 ogni mattina,passavano i secondi,pausa pranzo,passavano le ore,sirena e timbro sul cartellino la sera,passavano i giorni,cena in compagnia della televisione,passavano i mesi,serate tutte uguali...passavano gli anni.
Era rimasta solo la solitudine a fargli compagnia.
Poi,un sabato qualsiasi di novembre,visto che la domenica il campionato sarebbe stato fermo per la nazionale,Harry decise di giocare il Superenalotto anzichè la solita schedina.
La sera mentre cenava,pizza porri e cipolle,seguì in diretta l'estrazione.
Numero 7 sulla ruota di Bari,Harry non ci fece caso.
Numero 69 sulla ruota di Firenze,harry mastico la sua fetta di pizza.
Numero 90 sulla ruota di Milano,Harry sorrise,aveva fatto tre.
Numero 44 sulla ruota di Napoli,Harry smise di masticare.
Numero 75 sulla ruota Palermo,Harry sgranò gli occhi e rimase a bocca aperta,il cuore batteva fortissimo,sembrava quasi che Dave Grohl ci stesse picchiando sopra come ai tempi dei Nirvana.
Numero 23 sulla ruota di Roma,Harry.......
Harry passò i giorni successivi come sempre,lavoro-casa,casa-lavoro,finchè non gli venne addebitata la vincita sul suo affamatissimo conto corrente.
Quel giorno Harry diede le dimissioni.
Una volta tornato a casa prese due vecchi valigie e ci buttò dentro la sua vita...riuscì a riempirne solo una,poi si diresse all'aereoporto.
Una volta arrivato guardò il tabellone dei voli in partenza,e scelse quello per San Paolo,il Brasile era il luogo giusto per ricominciare la sua vita.
Aveva 49 anni e milioni e milioni di euro sul conto corrente.
Quando arrivò all'aereoporto di Guarulhos erano le nove di sera,aspettò per circa 20 minuti le valigie pianificando la nottata.
Avrebbe preso un taxi,si sarebbe fatto portare nel miglior albergo della città,una bella doccia,cena brasiliana e qualche donnina a fargli compagnia.
Non avrebbe mai più passato notti da solo.
Quando indicò sulla guida l'hotel dove voleva andare il tassista gli sorrise e disse OK.
Dopo pochi minuti di macchina girò a sinistra in una via dissestata,pochi secondi di buche e polvere e il tassista fermò la macchina.
Scese e si diresse verso la portiera di Harry...e l'aprì.
Nella mano destra teneva stretta una pistola,puntata contro la testa di Harry,il quale,ormai convinto che la ruota aveva cominciato a girare decise di reagire.
Scese dalla macchina e cominciò a gridare.
Il tassista sparò 3 volte,due colpi allo stomaco ed uno alla spalla.
Harry si accasciò,la vista cominciava ad annebbiarsi,riuscì a leggere il cartellino che il tassista teneva sulla tasca destra della camicia.
Paulo Nazario era il suo nome.
Tutta la vita cominciò a passargli davanti agli occhi,il filmato durò 3 secondi nei quali cercò di gridare vaffanculo al tassista,ma riuscì a dire solo VAFF... il filmato della sua vita era finito.

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti gratis
Iscriviti alla newsletter
Scrivi il tuo testo
I testi segnalati
Richieste di commento
Archivio articoli e notizie
Forum
Cerca


Pubblicità








Su di noi
- Chi siamo
- Il nostro progetto
-
Termini e condizioni di utilizzo
- Pubblicità
-
Riconoscimenti

Strumenti
- Collabora con Alidicarta.it
- Feed RSS dei testi di Alidicarta.it
- Bottone Alidicarta.it per la Google Bar
- Alidicarta.it su Facebook
- Press kit
Help
- Contatta lo staff
- Regolamento
- Copyright

© 2001-2017   - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore - Vietata la riproduzione - PI:02102630205
Link esterni:
idee regalo | www.codicesconto.com | | Hosting www.dominiando.it