Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


DI FRONTE A ME STESSO
Scritto da Yidaliren
Categoria: Narrativa
Scritto il 02/01/2018, Pubblicato il 02/01/2018, Ultima modifica il 02/01/2018
Codice testo: 21201815540 | Letto 81 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore Yidaliren:
Penso che ognuno di noi nei pensieri più remoti della mente, abbia il desiderio di incontrare la personificazione del nostro IO. Non importa dove, in un sogno, in una persona, in un luogo, in una canzone.

1/1

DI FRONTE A ME STESSO


Se solo avessi la assurda possibilità di incontrare me stesso, beh gli direi un sacco di cose, gli direi che deve smetterla di credere troppo nelle

persone perchè tanto loro non cambiano, gli direi che prima di farti amare devi capire cos'è l'amore, perchè a volte è ciò che ci sembra

scontato e dovuto, il motivo per cui dovremmo ringraziare.

Ma non servirebbe a niente, perchè sono fatto a modo mio, ognuno di noi lo è, vero? Siamo fatti così "DICONO" , devi essere più socievole,

devi avere il coraggio di reagire "DICONO".

Mi sembra quasi come se fossero gli altri a dirci come siamo fatti, forse è per questo se a volte siamo incapaci di descrivere noi stessi, così

ossessionati da ciò che pensano le persone, tanto da dimenticare chi siamo davvero.



Io alla fine me stesso l'ho incontrato veramente, alla solita ora, alla solita vecchia fermata, verso la medesima destinazione.

Non dissi nulla, assolutamente niente, come fossi paralizzato, lui però mi sorrise come non aveva fatto mai, cercava di dirmi qualcosa, ma

ma l'autobus era ormai troppo lontano.




PS: Penso che ognuno di noi nei pensieri più remoti della mente, abbia il desiderio di incontrare la personificazione del nostro IO.

Non importa dove, in un sogno, in una persona, in un luogo, in una canzone, l'importante è riuscire a porsi davanti a noi stessi e

aspettare, guardare, il volto di quello che infondo sappiamo di essere.





1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it