Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


20 Aprile 1999
Scritto da SeBBio
Categoria: Narrativa - giallo/noir
Scritto il 22/03/2018, Pubblicato il 22/03/2018 15.20.14, Ultima modifica il 26/03/2018 20.26.28
Codice testo: 2232018152014 | Letto 193 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore SeBBio:
Un ragazzo psicopatico fa irruzione in una scuola degli USA e quello che accade è scioccante..

1/1

Ricordo ancora quel brutto giorno.
Era il 20 aprile 1999, quando dal commissariato mi arrivò un messaggio via radio, un ragazzino di nome Harris Hunt aveva fatto irruzione in una scuola, armato fino ai denti, ma non semplici armi, si parlava di armi pesanti, un AK-47 e un Revolver. Non ebbi molte informazioni al riguardo; mi dissero solo che era armato.
Io quel giorno ero in servizio da qualche orette ed ero il più vicino all’luogo dell’accaduto. Dopo circa 5 minuti dal mio arrivo sento una raffica di colpi sparati.
In un’istante tutto si era fermato ed io quel punto estrassi la mia pistola e mi precipitai nella scuola. Quando entrai nell'edificio vidi quello che non dovevo vedere, circa 20 persone a terra in una pozza di sangue, la maggior parte erano morti, la parte restante era ferita fatalmente, una sola cosa però attirò la mia attenzione, una scia di sangue che percorreva tutto il corridoio fino ai bagni degli uomini.
Seguii quella scia, arrivai nel bagno degli uomini e vidi questo ragazzo sui sedici, diciassette anni che stava per uccidere il proprio professore con un colpo di Kalashnikov alla nuca.
Rimasi immobile davanti a quella scena, la testa della povera vittima salto in mille pezzi, le cervella da tutte le parti che bagnavano il pavimento di sangue.
Una cosa scioccante, mai vista nei miei venti anni di lavoro in polizia, non c’è cosa più brutta di vedere un’esecuzione di una persona.
Dopo fatto questo il ragazzo, tirò fuori il suo revolver e se lo puntò in testa e nella frazione di un secondo si sentì un colpo di pistola sparato.
Si era suicidato…
Tutto questo era accaduto in una frazione di secondo.
Dopo vari accertamenti si venne a sapere che il ragazzo aveva problemi psichici, le armi le aveva comprate in una delle tante armerie che si trovano negli USA.
Quella fu la mia ultima giornata di lavoro nel corpo di polizia.
Il danno psicologico subito mi fece rimanere per molti anni in depressione, perché ero convinto che quel pover professore poteva essere salvato.
Ci misi circa 30 anni per riprendere la mia normale vita e raccontare il tutto.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it