Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


A te piccola donna: la femminilità
Scritto da lucenera
Categoria: Epistolare
Scritto il 22/05/2018, Pubblicato il 22/05/2018 16.55.00, Ultima modifica il 22/05/2018 16.55.00
Codice testo: 225201816550 | Letto 240 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


Piccolo tesoro mio,
uno dei compiti che mi compete come ti ho detto nella prima lettera è renderti sicura di te il più possibile come donna.
Sai io ho avuto l'esperienza dei miei genitori.
Tua nonna,piccola mia, è super woman,è una donna con una forza da far invidia.Penso sempre che come donna non valgo metà di lei.E prego sempre di valere almeno la metà di quello che lei è stata e continua ad essere come mamma.Ha sempre spinto al massimo me e le tue zie,ad essere le migliori ma nel momento in cui avevamo una sconfitta o qualcuno,tra virgolette, ci superava,lei teneva sempre al fatto di dirci quanto fosse stata fortunata ad avere noi come figlie e quanto fossimo speciali.
Per quanto riguarda tuo nonno,per lui nessuno reggeva il confronto con le sue figlie.
Ecco, pur avendo avuto la fortuna di avere loro come genitori posso dirti che,spesso e volentieri, io mi sono sentita inadeguata alle situazioni che mi circondavano o imperfetta rispetto alle mie amiche o rispetto ad altre ragazze che ho incontrato nella mia vita.
Quindi insegnarlo a te non sarà così facile probabilmente.
Quello che posso dirti è quello che sto per scriverti.Partiamo dalla femminilità quella più legata al fattore fisico.
Per me la femminilità è fatta dall'armonia amore mio,dalla delicatezza dei tratti del viso.E sì,non nascondiamoci dietro ad un dito, anche da tutti quei caratteri fisici che ad un certo punto una ragazza sviluppa con l'adolescenza.
Però,anche qui,amore mio tanto conta il come ti approcci tu con la tua fisicità.
Se somiglierai a me non sarai probabilmente la prima che sarà notata in un gruppo entrando in una stanza.Spesso mi è capitato di rimanere all'ombra delle mie amiche.
Col tempo ho capito che loro con tutta probabilità erano anche più carine oggettivamente,ma spesso e volentieri sono io che mi sono tagliata fuori da sola.
Spesso ero io che mi chiudevo talmente tanto caratterialmente da non far avvicinare le persone tanto da non far apprezzare neppure ciò che di gradevole avevo fisicamente.
Ecco ora da un punto di vista prettamente fisico l'unica cosa che io posso fare è darti il mio patrimonio genetico che qualcosa di buono potrebbe averlo.Per quanto riguarda il resto credo che una cosa che potrò fare con te è farti essere un po' più estroversa rispetto a me.Il come ancora non l'ho chiaro ,magari facendoti fare attività che ti facciano superare quella timidezza che sicuramente avrai se riprenderai da me.
Poi piccola mia c'è tutto il discorso di come aggiustarsi .
Non sono mai stata una grande amante di trucco e parrucco, e sì non sarà quello a fare una "donna" ,però il sapersi aggiustare e valorizzare fa molto in questo mondo(un mondo in cui ormai,in realtà, anche per gli uomini il culto del proprio corpo è diventato fondamentale).
Anche qui come farò?
Prenderò spunto da quelle amiche di cui ti parlavo sopra o dalle tue zie,loro sono state sempre brave nell'essere impeccabili in ogni situazione.
Poi ci sono le altre "sfumature" di femminilità.
Ormai le donne, volendo ,riescono a fare tutto ciò che può fare un uomo e questo è un bene.
Tu potrai essere un ottimo avvocato,ingegnere,medico,architetto e superare un uomo in qualsiasi attività sceglierai.
Detto questo sono abbastanza sicura che, leggendo quanto ti sto per scrivere,alcune cose ti sembreranno degli stereotipi che la società ha sulle donne ma io sono abbastanza sicura che non lo sono.Per me rappresentano ciò che ci rende fieramente diverse dagli uomini.
Sii dolce principessina, ciò non ti rende più debole anzi può essere un valore aggiunto quando andrai ad intraprendere un lavoro in cui avrai a che fare con delle persone che soffrono.
Sii protettiva come una mamma.L'essere protettiva in questo modo ti porterà a capire le debolezze e i bisogni altrui ed ad aiutarli quando saranno in difficoltà.
Non avere paura di piangere o mostrarti debole.Spesso piangere semplicemente chiarisce le idee.E subito dopo ti ritrovi più forte di prima.Spesso mostrarsi deboli ci aiuta a riconoscere chi veramente vuole essere nella nostra vita e chi no,chi può più o meno darci una mano,chi sono veramente gli amici.
Sii anche donna di casa piccola mia.Le nostre nonne lo erano e nel frattempo riuscivano a lavorare i campi, a tenere gli animali ed ad allevare 3 o più figli con gli uomini che lavoravano altrove.E spesso, quando quest'ultimi tornavano, a tenere in pugno la situazione erano sempre e comunque le nostre nonne.Direi che possiamo definirli ottimi esempi di donne lavoratrici e non casalinghe disperate o schiave
Per altri consigli avrai l'opportunità di farti aiutare dalle altre donne di questa famiglia che ti assicuro non hanno nulla da invidiare agli uomini.







Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it