Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


UNA SERA DI FINE ESTATE
Scritto da Thomas Karl Monty
Categoria: Narrativa - Altro
Scritto il 23/03/2018, Pubblicato il 23/03/2018 18.07.30, Ultima modifica il 23/03/2018 18.07.30
Codice testo: 233201818730 | Letto 120 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente


Il giovane Thomas si sedette sulla scrostata sedia a dondolo sul portico, di fianco al nonno, era una sera d'estate e il lieve dondolio delle sedie provocò dei leggeri scricchiolii nelle assi della veranda.

La luna era mastodontica quella sera, le varie stelle che risplendevano distanti anni luce costellavano quel dolce sogno estivo.

Thomas reggeva tra le giovani mani un bicchiere di limonata, il ghiaccio tintinnava delicatamente procurando al ragazzo un gelido brivido lungo la schiena.

Il vecchio osservò il nipote ingurgitare la dissetante limonata con infinita placidità attraverso le pallide labbra, poi si accese una sigaretta con un fiammifero, le unghie erano gialle di nicotina.

Rimasero in silenzio per un po’, il giovane sorseggiando limonata e il vecchio aspirando fumo, l'aria densa era gremita del frinire dei grilli.

"Queste sere d'estate sono le più belle."

Thomas lo guardò da sopra il bicchiere.

"A volte basta davvero il minimo per essere in pace con se stessi."

Il vecchio osservò con il volto cosparso da profonde rughe il nipote che si rilassava nel suo apatico dondolio.

"Sai, a volte rifletto sul fatto che vorrei riavere la tua età, essere di nuovo un undicenne, felice, spensierato, correre come un forsennato a piedi nudi tra l'erba fresca del mattino."

Thomas si voltò verso suo nonno con uno sguardo meravigliato.

"Avere la mia età? Con la scuola che ti opprime, con mamma e papà che non ti lasciano respirare perché devi eseguire tutti i loro ordini e tutto il resto, nonno ma dici sul serio?"

Il vecchio emise una breve risata e osservò il fumo della sigaretta salire verso il cielo notturno in dense spirali, l'aria era immobile, non un alito di vento a disturbare l'ascesa del fumo, e il vecchio si rese conto come quelle spirali sembravano dei fantasmi, dei vecchi spettri danzanti.

Alle loro spalle, in cucina, si udirono i tintinnii dei piatti, bicchieri e posate che cozzavano tra di loro, evidentemente la mamma di Thomas era all'opera nell'acquaio.

Il mondo sembrava dormire profondamente, la strada era buia e deserta, l'unica fonte di luce in quella desolata oscurità proveniva da un lampione ubicato ad una settantina di metri dall'abitazione che emanava una sinistra illuminazione giallognola, alcune falene svolazzavano pigre nel cono di luce, la notte avanzava impassibile.

Thomas rimase ammaliato dalla volta luminosa del cielo, il suo sguardo si perse tra lo spazio siderale, incantato dall’immensità soprastante si rigirava il bicchiere oramai vuoto tra le mani con un espressione fatata negli occhi, il cielo non era mai stato così luminescente, dopo qualche minuto si alzò dalla sedia, le assi gemettero, si diresse verso l'ingresso e chiese al vecchio:

"Nonno vado a prendermi un po' di gelato, vuoi?"

L’anziano lo guardò e sorrise, un sorriso malinconico ubicato sul suo volto deturpato dalla vecchiaia.

"Si grazie, portamelo a pistacchio."

Thomas fece un breve cenno con la testa ed entrò in cucina, lasciando il nonno a nuotare nelle sue elucubrazioni.

Già, perché quando oramai hai fatto il tuo corso, sei vecchio e tutti ti trattano come un rimbambito, ad ogni estate inizi a riflettere che potrebbe essere l'ultima.

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it