Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Il giorno che Elvira cadde dalle scale.
Scritto da Spicchi di specchi
Categoria: Narrativa - giallo/noir
Scritto il 23/05/2009, Pubblicato il 23/05/2009, Ultima modifica il 23/05/2009
Codice testo: 2352009202423 | Letto 2904 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore Spicchi di specchi:
...alle volte,i ricordi,diventano un puzzle... :-)

1/1

D'un tratto, sarà quest'aria calda e immota,ho un flash back...stessa calura e profumo d'oleandri.
"Non ti venga in mente di mangiarli,eh?! L'oleandro è velenoso!!"
Ma non ci penso proprio.Mangiarlo...figuriamoci! Mentre cammino sui lastroni consunti,lucidi e scivolosi di Via Grazia Deledda, rione Santu Predu( San Pietro). L'ho imboccata perchè mi pare faccia meno caldo qui, e sembra ventilata. A quest'ora sembra d'essere in Messico...si fa la siesta; persiane socchiuse e da dentro qualche casa, sommessa, la nota di una canzone, scappa dagli spiragli. Ci saranno dei ragazzi, dei giovani intendo...loro non lo fanno ancora il riposino. Voglio andare alla Solitudine,e da qui, faccio prima. La Solitudine, una sorta di belvedere sull'orizzonte che degrada, scendendo, dalla parte del mare. Viuzza stretta, con case vecchie e case ristrutturate, un misto di agio e ceto contadino, misto di antico e di aspettando un futuro migliore. La casa dei Buscarini, splendida, come un maniero. Di fronte. una casina vecchia, tutta in verticale, quasi un nuraghe. Hanno rifato il manto stradale, qui...asfalto bollente, sotto le infradito leggere. Mi lascio l'entrata secondaria al giardino dei Guiso-Gallisai, sulla sinistra. C'è l'albero sul quale s'era arrampicato Matù, il mio gattone bianco e sordo...e non voleva più scendere. Ma dimmi tu...cosa mi viene in mente! Mi sa che mi prendo un gelato, da Dolci tentazioni...mentre mi si apre, davanti, il belvedere della Solitudine. E, i ricordi evocano altri ricordi, altri luoghi, altro tempo.
Monte Verde Vecchio, vicino al Gianicolo...pensare che qua s'è articolato gran parte del Risorgimento, a Roma. E noi, i ragazzini"der vicoletto", ci facevamo, d'estate, delle battaglie d'acqua epocali! Fino a quando Elvira cadde dalle scale.
"Signora Anna, può venire sua figlia a giocare!?"...io e Titti, davanti al citofono...
"No! Ervira nun pò veni'...è cascata pè le scale!!"...un pò ruspante, la signora Anna...
"Come è cascata!? E che s'è fatta!?"...e Titti che ridacchia e mi fa cenno di star zitta..
Titti con le sue treccione lunghe, sempre un pò sporca, tra le pieghe del collo, e le ginocchia malconce. Il rumore del citofono che vien chiuso...e Titti che si sente grande, mentre mi spiega che" cadè da le scale vordi' ch'è diventata signorina!!"...ah...!! Quindi, niente battaglie d'acqua, per un po'. Che ce ne facciamo, ora, di tutti i palloncini, presi con le liquorizie, da Benito, il fornaio!?
Lo so perchè ho accostato questi ricordi, come tessere di un puzzle. Non solo perchè c'era un'aria simile...perchè erano periodi di cambiamento, entrambi. E perchè, rientrando a casa, quel pomeriggio, io e Titti, mangiammo i cuori dei fiori di lillà, che crescevano vicino all'oleandro, nel giardino del palazzo dei senatori, che aveva un belvedere.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it