Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Mio fratello maggiore è un demone! (Cap. 50)
Scritto da nuvolechiare
Categoria: Narrativa - fantasy/fantascienza
Scritto il 23/06/2018, Pubblicato il 23/06/2018 16.15.35, Ultima modifica il 23/06/2018 16.26.19
Codice testo: 2362018161534 | Letto 218 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore nuvolechiare:
Oscurità in bottiglia!

Torna alla prima pagina 1/4 Pagina seguente


Capitolo 50: Oscurità in bottiglia!

“Che cos'è?”
Prendo in mano la boccetta di vetro che mi offre Kabyria, studiandola con malcelato timore.
“Guarda meglio”, sorride lei. “Dimmelo tu”
All'interno c'è uno strano... liquido. Nero come la pece, sembra quasi spumoso ma ha una densità strana, più simile al fumo che all'acqua. Le mille sfumature di nero al suo interno si fondono e si ricompongono come fossero nuvole in tempesta.
“Oscurità...!”, esclamo, basita.
“Esatto, mia cara. Questo è pura tenebra. Oscurità in bottiglia, se preferisci”
“E io che dovrei farci?”
“Berla”, mi spiega Hailin, seduta vicino alla madre. “Bevila Misa, e diventa una di noi”
Quella roba... dentro di me?!
Il primo istinto è quello di gettare quella... cosa il più lontano possibile da me.
Ci impiego qualche secondo a metabolizzare l'idea che invece dovrò fare il contrario.
“E va bene”, mormoro. “Facciamolo senza pensarci troppo su”
“Non ora”, mi avverte la Signora dei Demoni. “Stanotte, a mezzanotte, quando muore un giorno e ne inizia uno nuovo. Sarà il simbolo della tua nuova vita”
“D'accordo. Quanto ci impiegherà a fare effetto?”
“Nessuno può dirlo”, risponde Hailin. “Ciascuno di noi fa i conti con l'oscurità in maniera diversa, perciò i tempi di trasformazione variano”
Stringo la boccetta forte fra le dita.
La parte più umana di me urla di terrore nel mio intimo, ma per fortuna è una parte molto, molto piccola.


23:45....


Mi ritrovo sola nella tenda, sdraiata sul letto con la boccetta posata davanti, sul materasso.
Osservo l'oscurità al suo interno senza riuscire a staccarle gli occhi di dosso. Prima mi inquietava, ora le ellissi e le spirali che disegna hanno un qualcosa di ipnotico. Sento che se la fissassi abbastanza potrei finire per restarne incantata....
Prendo un mini specchietto dal comodino e osservo il mio riflesso nel buio.
La Misa nel vetro mi guarda dritta negli occhi ed è come guardare il mio riflesso nell'acqua scura di un lago notturno.
Ad un certo punto sembra sogghignare. Poi socchiude le labbra:
“Non aver paura... Io sono te, devi solo accettarlo”
Urlo, sconvolta, e lascio cadere lo specchietto a terra.
Frantumi di vetro si spargono a caso sul pavimento.
Un secondo dopo la porta si apre e Yori arriva tutto preoccupato.
“Misa! Tutto bene?”
“Io... non lo so....!”
Dalla mia voce capisco di essere sull'orlo del pianto.
Il mio demone alza lo sguardo all'orologio.
“E' quasi mezzanotte”
“Già...”, osservo.
Guarda me, la boccetta sul letto, lo specchio rotto.
Capisce al volo e si precipita al mio fianco.

Torna alla prima pagina 1/4 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it