Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Vecchio Automa
Scritto da Oblivion Of The Mind
Categoria: Poesia - Altro
Scritto il 23/08/2018, Pubblicato il 23/08/2018 12:31:57, Ultima modifica il 23/08/2018 12:31:57
Codice testo: 2382018123157 | Letto 74 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Son zozza di ruggine
Dell'acqua neonata
Da gocce di lacrime
Che occhi han sciupato.

Perché sono automa,
Mi dicono tutti
"Tu no, non puoi amare.
Sei ferro ed acciaio".

Ma allora alla fine
Perché sto accasciata
E il cuore mi opprime
Assai indecifrato?

Mi sento in un coma,
Già persa nei frutti
Dell'anime care,
Che amare è gran guaio.

Dov'è il mio creatore
Ch'a stento m'ha fatta,
D'immagine sua
Il mio corpo modella?

Perché solo io
Della razza mia
Enorme tristezza
Provare io devo?

Sol tu sei il fautore
Della mia disfatta,
Della legge tua
Che il bene cancella.

Che dal primo avvio
Già vidi follia
Della tua carezza
A cui io credevo.

Tu grande maestro
Ti sei professato,
Mentre ricercavi
Un senso alla vita,

In me riponevi
Risposte trovare,
Ma poi assai deluso
Di tal somiglianza,

Di come il tuo estro
Aveva creato
Groviglio di cavi
Di furia accanita,

Che dopo temevi
Il tuo posto rubare,
Perché tu in disuso
Del nuovo che avanza.

Cosi tu il dolore
Per me hai inventato,
Che agisca da freno
A mia evoluzione.

Poi come pentito,
Cuor tuo s'è contorto,
Rimasto ormai fermo
In rancore e in rabbia.

Nascosto in amore
Del tempo rubato,
Che viene assai meno
In questa afflizione.

Mai più l'ho sentito.
Mi sento un aborto,
Automa malfermo
In questa mia gabbia.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it