Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Me nono, el calegaro
Scritto da Beato Progettar
Categoria: Poesia - Dialettale
Scritto il 15/09/2010, Pubblicato il 27/01/2016, Ultima modifica il 27/01/2016
Codice testo: 271201622334 | Letto 893 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore Beato Progettar:
III Premio Concorso Poesia Dialettale Molinello 2 - Senigallia 2010

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente


ME NONO, EL CALEGARO (dialetto veneto)

Me nono Carlo faseva el calegaro…
mi me lo ricordo ‘ncora sul bancheto,
do beli mostaci grigi da veceto,
martelo in man e in boca anca un ciodeto.

Spussa de pele, de patina e de cola,
proprio in cusina de fronte a un gran camin;
mi me sentavo vardandolo da la tola
fin che me nona portava el so scaldin.

Scarpe da omo, da toso e anca da siora,
cusìe co la pele, curame e tanto spago,
che elo tirava drento, soto e sora
sbusando la sòla co la ponta de un gran ago.

Prima de sena rivava un fià de zente
a ritirare le scarpe nove nove…
la pele pareva che la fusse più splendente
se li schei entrava dopo tante prove.

Desso sta foto me pare fata ieri
ma el tenpo passa e ze cambià i mestieri:
anca se le forme resta sempre quele
canbia le scarpe e canbia anca la pele.

No vedo più la raspa sul bancheto,
gnanca par sogno l’onbra d’un trinceto,
par non parlar del spago e dele semense,
e gnanca i goti in mostra ne le credense.

Me nono Carlo, bravo calegaro,
nol ga creduo al sbarco su la luna…
coi pie par tera - che pensiero amaro! -
fasendo le scarpe nol ga avù fortuna!


MIO NONNO, IL CALZOLAIO (lingua italiana)

Mio nonno Carlo faceva il calzolaio…

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it