Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


SPIEL REIN
Scritto da GiuliaRebecca
Categoria: Altro
Scritto il 28/12/2017, Pubblicato il 28/12/2017, Ultima modifica il 28/12/2017
Codice testo: 2812201717419 | Letto 254 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore GiuliaRebecca:
gioco pulito

1/1

Ho tardato ad addormentarmi ieri notte per un intrico nello spazio professionale; nel sonno ho trovato altri tormenti. Ero in un locale affollato, sedeva accanto a me una figura maschile. Inizialmente ero certa fosse Jung, ma osservandolo non esisteva somiglianza: l’uomo era molto alto con capelli bianchissimi e indossava una muta da sub. Ho riflettuto – il subconscio dà un segno per intendere un contenuto superiore. Lui esprimeva pensieri con simboli, mi ha chiesto come considerassi ciò, gli ho detto che non sarei andata oltre un bacio; in seguito abbiamo fatto l’amore. Mi osservava mentre suonava uno strumento strano, a corda, la sua musica era profondamente psicologica. Dopo un momento di esitazione ha fatto uscire dalla bocca parole simili ad abbracci ampi, armoniosi, esibendo anche una scrittura assoluta che mi ha fulminato la vita. In essa c’era lo sguardo di chi ha visto l’esistenza amata scandagliando finanche i fondali marini, come un mondo di sentimenti, di esperienze d’amore, di accenti appassionati. Hanno fatto seguito associazioni verbali legate alle parole spiel=gioco rein= pulito. Il coinvolgimento emotivo di questo sogno l’ho avvertito al risveglio perché ripetevo nella mente: c’era una volta un sogno meraviglioso, erotico, che ha aperto una breccia nella vita inconscia di Jung.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it