Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


hai finito di nuotare nel mio veleno
Scritto da FilippoDiLella
Categoria: Poesia
Scritto il 29/06/2017, Pubblicato il 29/06/2017, Ultima modifica il 29/06/2017
Codice testo: 29620172281 | Letto 298 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Anche l'amore si consuma e ci consuma
come cartucciera troppo corta;
sarai la mia riabilitazione ai sentimenti,
sei stata la palestra dei miei inganni
ed io dei tuoi
eppur c'apparteniamo,
in qualche modo,
siam della stessa pasta,
io e te, nati per rubar chiaro di luna,
parti della stessa testa,
siam sparati in mezzo al tutto
come passeggeri un po' distratti di un'esplosione dentro al treno
o piccole ombre di sabbia
in mezzo a nuvole di nulla.

Il tuo respiro sa
il sapore delle foglie all'imbrunire
e le tue mani rosa
si muovon come dita d'alba
in questa marea di stelle che collidono;
sa il gelso riconoscersi nei tuoi capelli
e la rosa nelle tue gambe
e il porcospino nel tuo petto che respira anime d'affanno.

È la notte e siam fatti per rubare chiar di luna,
ch'ogni volta poi è menzogna...

Noi: prigionieri un po' distratti su uno sparo dentro al treno.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it