Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


13
Scritto da Oblivion Of The Mind
Categoria: Poesia - Altro
Scritto il 29/08/2018, Pubblicato il 29/08/2018 11.02.00, Ultima modifica il 29/08/2018 11.02.00
Codice testo: 298201811159 | Letto 43 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Camminando per la strada
Tutto nero si è dipinto,
Mi guardavo attorno stanco
'Che' materia era svanita.

Solo me vedevo bene,
'flesso come in un specchio.
L'altro in faccia già notava
Che di lui io diffidavo.

So che ad ei paura aggrada
E mi sento come vinto
Nel terror chel nero il bianco
Batta a scacchi la partita.

In risate quasi aliene,
Mi risulta già lui vecchio.
Forse in me lui abitava,
Sua scomparsa contemplavo.

Con un solo batticiglio,
Da presente ad ombra era,
Vuoto che l'avea inghiottito
In un limbo trasparente.

In alto luci d'arancione,
Chiazze tonde disegnava
Come d'isole una fila
Che formavano un sentiero.

Sporto sul suo giallo ciglio,
Piè toccaron parte nera
Per assicurar l'attrito
Di cemento, non di mente.

Scia velata come alone
Passi miei accompagnava
Che per me parean duemila
In un sogno simil vero.

Fu di colpo che la vista
Mostrò un uscio illuminato,
Come di una porta aperta
Che salvezza già rivela.

Di colori tempestata,
Dimension non sa cos'era,
Ma varcata porta angusta
Occhi miei sembran drogati.

Vedo come in ametista,
Spazio immenso rivelato.
Vivo come gran scoperta
La presenza di candela,

Che di fuoco era impastata
E mi scioglie come cera,
Mentre l'animo m'aggiusta
Dai ricordi ormai passati.

Tredicesimo tarocco
Mi ricordano all'istante:
Morte che sa usar 'l suo tocco
Per guarir l'anime affrante.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it