Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Canevaccio Metropolitano
Scritto da Domenico De Ferraro
Categoria: Altro
Scritto il 29/09/2015, Pubblicato il 29/09/2015, Ultima modifica il 29/09/2015
Codice testo: 2992015175838 | Letto 1333 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


CANEVACCIO METROPOLITANO

Piazza Dante un via vai di gente, alcuni punk sotto la metro bevono whisky scadente comprato a meta prezzo al supermercato , cantano suonano ,rullano spinelli lunghi due metri , sorridono tra di loro dandosi tante pacche sulle spalle che poi arrivano alle palle e da li al cervello ed infine alla bocca che aspira forte , un altro tiro , tira ,tira che ti fa bene. In gruppo si raccontano aneddoti ,storie personali e familiari . In prima fila , una ragazza ed il suo cane mezzo spelacchiato con una coda liscia e lunga, peloso con un muso cosi simpatico che gli avresti dato un bacio. Vestita con abiti succinti, la ragazza ed il suo cane siedono per terra con una borsa in mano sorseggiando una coca cola che non e coca ma un estratto di stramonio che ti sballa ad ogni sorso ,beve e sorride mentre una folla confusa si riversa nei cunicoli della metro sale , scende lungo le scale mobili .

Vivere per strada scodinzolando la coda al cielo, rubando momenti di gloria, abbaiando, bevendo nelle pozzanghere rincorrendo qualche gatto , fare la posta ad una cagnetta, leccarsi i baffi per un pezzo di carne che trasuda da un panino, questa eterna giovinezza ,questa eterna malvagia bellezza , mi perdo tra mille canti ed un freddo vento mi entra nelle ossa . Ma lei mi riscalda con calde carezze, la sua piccola mano i suoi abbracci , mi riempi di coccole ,sono felice ,sorrido tra i baffi non mi muovo ,abbaio alla luna che bello essere un cane. Stare seduto per ore , vicino a lei così dolce come naufragare in questo mare ,per codeste strade ora e sempre , correndo dietro un auto ,sempre pronto a difenderla da ogni pericolo , io abbaio ,sogno giorni migliori , forse sono solo un cane , morto da tempo incapace di uscire da questo tunnel , da questa storia cosi crudele, eppure ancora rammento la vita di un tempo che fu. Scappare via non serve a nulla ed io muoio tra mille giochi ,tra mille domande che non trovo risposta ,vagabondo solitario sotto questo cielo ,non comprendo i miei simili , non comprendo il mio padrone.

Mi da qualche spicciolo? vorrei comprare qualcosa da mangiare la prego, mi regali qualcosa, non vede son tanta dimagrita, le racconto la mia vita , le faccio vedere come salta il mio cagnolino. Non vada via signore ben vestito , non mi lasci cosi . Sono sempre stata sola ,son figlia di questo tempo , son figlia di questa società. Cammino a piedi nudi, timidamente amo ,timidamente vivo . Son sempre fuori casa ,poiché a casa mia non c'è più nessuno , non vi è più l'amore di un tempo. Tradita, sono stata abbandonata da questo amore familiare , un dramma che mi ha inchiodata su queste rotaie ove attendo di partire d' andare lontano , forse sulla luna ,forse tra un migliaio d'anni si ricorderanno di me. Sono una fragile fanciulla dai grani occhi azzurri con il mio cane, giriamo per la città , appresso ai musicisti , appresso ai teatranti che bello vivere per strada , non pensare a nulla , abbandonarsi al caso , ad un flusso di idee , ad un gioco di parole.

Io e lei , siamo amici da poco tempo ,ci confidiamo ogni cosa non c’è segreto tra noi , viviamo la stessa vita. Io la desidero, l'ammiro ,
l’ inseguo nella sua follia ed ella mi trascina con se con la mia chitarra a tracolla per luoghi incantati , son stupido mi dicono ,piccolo, nero simile al suo cane gli sto accanto, non voglio lasciarla. Questa città è la mia rovina , questo amore senza peccato che mi porto appresso che macchia il mio animo , ferisce la mia volontà. Mi sento un trastullo, una marionetta nelle mani di lei.

Io l'amo ,ma lui è troppo timido ,scemo , con quelle orecchie a sventola , ma quando scende sera , sulle tante disgrazie di noi esseri umani , relitti che vanno alla deriva , l'ascolto parlare , lo vedo muoversi , so che lui m’ama , mi segue fedele , ma non osa baciarmi ,non osa toccarmi, sfiorarmi con un dito , dolce ,amico compagno di mille avventure .

Prendono la metro , lui con la sua chitarra sulle spalle lei e il suo cagnolino. Si conoscono da poco tempo , si sono incontrati varie volte ma lui John non ha mai osato baciarla a volte ci ha provato ,cercando di vincere quella sua innata timidezza ma inutilmente . Ha sofferto molto ,divorato dalla timidezza ,continua ad uscire con lei. Ketty non è bellissima m’ affascinante , ama John, m’ attende che lui dichiari il suo amore . Scandalosamente lo coccola gli sta accanto , qualche volta prova a farglielo capire abbandonandosi a volte tra le sue braccia. Salgono in metro per raggiungere i comuni amici, in piazza santi martiri , per andare poi a mangiare una pizza , tutti insieme.

Vedrai ,vedrai, che ogni cosa cambierà ,questa vita ,questi giorni che bruciano sotto il cielo di questa città ,sotto un cielo pieno di stelle, nella sequenza d’immagini , nella filosofia di un era che ignara del suo domani trascende la realtà si ribella, balla. Andremo a Mergellina , andremo in metro , andremo, alla ricerca di un amore nuovo , di una nuova verità. Saremo chiamati matti , apostoli della pace. Sciummachella, cicirenella , scinne lungo queste scale ,sotto a queste stelle, due astri che brillano nella volta celeste ,una voce che chiano ,chiano ti porta lontano core mio , quanto tiempo e passato , mezzo a chesta via , mezzo a questo dolore .


Vorrei poterti dire tante cose ,raccontare i miei turbamenti ,una passione che mi divora dentro , il senso di una verità che io ricerco in me stesso, il caso ci ha fatto incontrare ,stare così vicini, insieme, cresciuti nello stesso quartiere, nella stessa indifferenza , vorrei dirti ti amo, vorrei abbracciarti, aprire il mio cuore in questo lungo viaggio immaginario, piano, piano i miei pensieri entrano in simbiosi con il rumore delle rotaie con i visi dei passeggeri con i muri ed altre fandonie.

Continui a guardarmi con quei grandi occhi castani che stupido cosa aspetti a baciarmi non vedi come il mio corpo trasuda d'amore , una carezza, un bacio, una stretta di mano, ogni cosa fugge via insieme a rimorsi ed illusioni.

Il cane annusa la sua padrona li guarda ,entrambi innamorati struggersi di passioni , sente il cuore di entrambi battere così forte , così vicino al suo.

Amore, figlio di un dio sconosciuto , figlio di un uomo che non ha nome, m’ avvicinò vi guardo, sento le vostre parole, volesse lo cielo vedervi felice e dai stringi questa mano, abbracciati stretti l’uno all’altro scomparire dentro nubi di passioni, misero me che son solo un cane, che salta fa le feste , guaisce in cerca della sua padrona . Non capirò mai gli uomini , eppure anch’io un tempo son stato umano , avevo una moglie dei figli , una casa colorata all'estrema periferia della città . Ero un impiegato modello , non mi mancava nulla ed ero bello ritornare a casa dopo aver lavorato tutto il giorno, riabbracciare moglie e figli. Sedermi insieme a loro a tavola , pranzare . Ridere, raccontarsi ciò che era accaduto durante il corso del giorno. Una vita umana , un amore senza tempo, mia moglie luce dei miei occhi , i miei figli carne della mia carne. Poi una sera ritornando dell'ufficio un maledetto balordo ,ubriaco fradicio su una moto ,urtò violentemente la mia auto , così uscì fuori strada , rotolai lungo una scarpata , sentì la vita abbandonarmi , sentii il dolore del mondo intero , i tanti corpi , le tante vita misconosciute.
Al mio risveglio, dopo esse passato in altra vita, morto udii prima il pianto di mia madre , poi di mia moglie e dei miei figli , mi ritrovai cosi ad essere un cane ,nella pelle di un cane, assistere al mio funerale . Non potevo piu parlare, solo abbaiare, avrei voluto urlare , dire d'essere vivo , confessare di non essere un cane, ma un uomo. Per lunghi mesi, accovacciato sotto un albero , vegliai la mia vecchia casa, seguivo mia moglie i miei figli andare a scuola. Ogni volta che provavo ad avvicinarmi a mia moglie, ricevevo calci , quanti calci ho preso ma io non m'arrendevo , la seguivo di nascosto , la spiavo e fu in questi miei inseguimenti che m'accorsi che mia moglie mi tradiva , non sò da quanto tempo mi tradisse, non sò dire del male ,del dolore provato ,del disonore , la rabbia mi esplose in petto. Il cuore, il mio cuore di cane divenne così triste volevo piangere ma non ero più capace di farlo . Solo lei , la mia piccola ketty m’accarezzava ogni volta che m’avvicinavo mi faceva le feste. Ed io sentivo il suo corpo vicino al mio , ed ero felice. Quante volte ho provato a fargli capire che non sono un cane qualunque , ma sono suo padre, si suo padre. Un padre divenuto cane , per continuare ad amare , chi aveva sempre amato in vita.




Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it