Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


COME LE RANE D'INVERNO
Scritto da Quelli al Buio
Categoria: Altro
Scritto il 03/02/2017, Pubblicato il 03/02/2017, Ultima modifica il 03/02/2017
Codice testo: 322017121250 | Letto 399 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

E’ inverno
niente da precisare tranne l‘accento su questi toni di colore basso.

Ancona è tragica, sporca nel lontano del porto.
Ripetute e stanche le fabbriche mi attraversano gli occhi.
Gli scogli mi avvisano che è l’alba che si è svegliata, e anche IO: una quasi donna ubriaca, definitivamente scontenta.
Palafitte e supporti improvvisati per la casa di un pescatore,
boe e immondizie a riva, ai piedi di dio.

I treni e la vita
Il futurismo che tanto detesto
Malevich e il suo suprematismo assoluto.
Niente tecnologia dell’Arte: riconosco solo la decadenza della STORIA,
fatta a pezzi, per mancanza di bravure,
di riposi assoluti.

Potenza delle antiche città: le Polis e la Magna Grecia, gli imperi fuori dalla portata degli uomini e a misura di dio.

Paura di questa mia stanchezza, che non è mai piena e mai si consuma con la morte della sessualità praticata per inerzia.
Sessualità morbosa, mai attraversata nel corpo come nelle intenzioni, mai ci si lava completamente.

Non sono gli uomini che salvano me, oggi e questo gabbiano, tragico col vento a sfavore.
Nell’infelicità di un sonno, su questo treno scomodo, ho visto qualcosa farsi strada, spalancarsi e dirmi: ‘via da quest’uomo: ti vuole SUA, l’aderenza a se stesso, nel principio errato delle sue convinzioni, della fedeltà tua per lui’

Diverso da quello che ti eri immaginata nel comprometterlo, nel rovinarlo d’amore per tua sola volontà.
Chi è lui che sfida me?

Penso a Piero Ciampi e alla musica fatta di una certa luce, quella di alcuni mesi fa dove le sere erano calme come candele ubriache e io improvvisavo discorsi ‘malati’ a lui tanto cari e oggi giudicati superflui.

Diario non scritto
paura di questo treno delle 6.30
ancora buio
affollato di gente infelice
perché oggi è ancora solo un altro giorno.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it