Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


L'incubo di Elisa
Scritto da Anais-
Categoria: Narrativa - horror/thriller
Scritto il 04/11/2018, Pubblicato il 04/11/2018 20.07.58, Ultima modifica il 04/11/2018 20.18.21
Codice testo: 411201820758 | Letto 77 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/5 Pagina seguente


CAPITOLO 16




"Entra, adesso mi stai facendo perdere la pazienza "

Disse Isabel spingendomi dentro casa.

"Senti, hai mai pensato che prima o poi, qualcuno potrebbe scoprirti? "

Domandai spaventata.

"Nessuno sopravvive abbastanza.
Guarda tuo padre.. È sempre più sciupato.
Tua madre, vive in un mondo tutto suo, praticamente tu, per loro è come se non ci fossi.
L'audace ispettore, si presentò in casa mia, pronto a fare le sue accuse, nel giro di pochi giorni, la sua energia, la sua vitalità, si erano completamente prosciugate.
Non era più in grado di soddisfare le mie esigenze ed un giorno, morì "

Isabel mi raccontò ridendo, l'accaduto.

"Ti scopriranno, Isabel.
Il fatto che tu sia una strega, o che tu, abbia dei poteri, ciò non significa che debba andare tutto bene"

Avevo paura, ma sarei morta lo stesso, quando lei, avrebbe deciso di uccidermi.

"I miei poteri, non li conosci.
Sono molto più potenti di ciò che credi.
Per te stessa, ti consiglio di non sfidare la sorte, adesso fingi di essere coraggiosa, ma in realtà, basta solo che io mi avvicini un pò e moriresti di paura "

Si avvicinò a me, ed io come una stupida, pensai che non potevo sfidarla.
I giorni, dove incubi ed inferno mi facevano compagnia, passavano lenti.
Tutte le persone a cui tenevo, si spegnevano lentamente.

POCHI GIORNI DOPO.

La donna con cui avevo parlato, era grave.
Il suo cuore, era debole.
Volevo andare da lei, ma non potevo.
In realtà, il mio aspetto era pessimo e non avevo voglia di uscire di giorno.
Ma volevo vederla.

Torna alla prima pagina 1/5 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it