Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Autopsicografia, di Fernando Pessoa
Scritto da Andrea Guidi
Categoria: Recensione
Scritto il 04/04/2012, Pubblicato il 04/04/2012, Ultima modifica il 27/03/2013
Codice testo: 442012165035 | Letto 3332 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


O poeta é um fingidor.
Finge tão completamente
Que chega a fingir que é dor
A dor que deveras sente.

E os que lêem o que escreve,
Na dor lida sentem bem,
Não as duas que ele teve,
Mas só a que eles não têm.

E assim nas calhas de roda
Gira, a entreter a razão,
Esse comboio de corda
Que se chama coração.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Il poeta è un fingitore.
Finge così completamente
che arriva a fingere che è dolore
il dolore che davvero sente.

E quanti leggono ciò che scrive,
nel dolore letto sentono proprio
non i due che egli ha provato,
ma solo quello che essi non hanno.

E così sui binari in tondo
gira, illudendo la ragione,
questo trenino a molla
che si chiama cuore.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Beh, pare che abbia ragione, il buon Pessoa: nel poeta sono racchiuse tre persone. Una è quella che lui crede di essere, un’altra è quella che viene percepita da chi legge, e la terza è quella che il poeta realmente è. Naturalmente tutto ciò è valido per chiunque, anche se non si definisce poeta. Forse questa tricotomia si accentua in chi usa la fantasia per imbrattare fogli con parole, e nel far questo perde talora il contatto con la realtà per immergersi in mondi che non ci sono. È pur vero che la Verità assoluta non esiste: c’è quella che il poeta vuol rappresentare, c’è quella che nelle sue parole legge il lettore, e che non potrà mai essere la stessa di chi scrive (vuoi per diversità di esperienze vissute, per sensibilità, per educazione…), e c’è la Verità interiore, spesso inconscia, che neppure il poeta riesce a conoscere e dunque, tanto meno, ad esternare.

Addendum: Hermes (Mercurio), il messaggero degli dei, e degli dei verso gli umani, era parimenti il dio dei viaggiatori, degli sportivi, dei ladri, dei truffatori, dei commercianti, e, udite udite, della letteratura e dei poeti... Quindi il poeta è un fingitore, e anche un truffatore ???

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it