Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Le inutili belle parole
Scritto da Abel7
Categoria: Opinione
Scritto il 04/05/2018, Pubblicato il 04/05/2018 12.22.57, Ultima modifica il 15/05/2018 09.40.36
Codice testo: 452018122257 | Letto 172 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore Abel7:
non pensare di essere bravo perchè sai scrivere quattro cagate

1/1

Non sopporto i finti o gli intellettuali che non usano l’intelletto, ma la saccenza per ostentare superiorità.
Non amo scrivere racconti lunghi, tento di concentrare i contenuti ed evito le descrizioni inutili, fatte per riempire pagine e dare sfoggio di bella scrittura.
Certe rappresentazioni, che io definisco tentativo di quadro letterario, non aiutano il lettore ad entrare nel vero significato di un libro.
A me personalmente urtano, se per dire che è un giorno d’estate scrivo:
“E’ una bellissima giornata di Luglio e il mio sguardo si perde nell’azzurro di un cielo terso e illuminato da un sole splendente, che fondendosi con la volta celeste, scende a dipingere di un blu turchese un mare calmo e reso abbagliante dallo scintillio del sole, una vela bianca solca l’acqua e la divide, disegnando scie e spruzzando gocce di mare che s’innalzano al suo passare, nell’alto un gabbiamo fende l’azzurro del cielo, stendendo maestosamente le sue lunghe ali in un volo leggero e… “…e che cazzo!!
Vorrei che su quella vela ci fosse un imbecille, che ci è salito nonostante soffra il mal di mare e stia vomitando l’anima.
Che il gabbiano caghi in testa a quel curioso che lo sta osservando.
Il mare poi è certamente bello, ma non per gli annegati o per i profughi quando stanno sui barconi.
Non era preferibile scrivere semplicemente un giorno d’estate?
Chi vuole osservare quadri va in pinacoteca
Chi ama la poesia legge un poema.
Chi legge un romanzo vuole una trama da seguire, possibilmente interessante ed originale, non descrizioni sfarzose.
Riempire inutilmente pagine, secondo me, annoia il lettore, io preferisco che chi legge, giunto alla fine del libro, sia dispiaciuto che non ci sia altro da scoprire.

Tratto dal mio ultimo libro L'ULTIMO VOLO'? pubblicato su Amazon al link:
https://www.amazon.it/LUltimo-Volo-leggere-riflettere-piacerà-ebook/dp/B07D21TKHD/ref=sr_1_15?s=books&ie=UTF8&qid=1526301786&sr=1-15&keywords=l%27ultimo+volo%3F

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it