Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Lady dark
Scritto da Anais-
Categoria: Narrativa - horror/thriller
Scritto il 05/11/2018, Pubblicato il 05/11/2018 18.59.02, Ultima modifica il 05/11/2018 18.59.02
Codice testo: 511201818591 | Letto 85 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/5 Pagina seguente


CAPITOLO 2



Elena ritornò a casa.
Si occupava solo per qualche ora, dei ragazzi e delle ragazze,della casa famiglia.
Una parte della sua coscienza,le ricordava che quei ragazzi,avevano bisogno di aiuto,compresa Kaila.
L'altra parte,le diceva che,da quel posto voleva andarsene ed avendo ricevuto l'occasione giusta,adesso poteva farlo.
In fondo,Kaila adesso aveva una casa.
Suor Laura invece,non era tranquilla,ma anche lei pensava che,Kaila doveva avere la possibilità di vivere una vita diversa.
Kaila iniziò a mangiare,il cibo era buono.
Sentiva lo sguardo di Anais puntato su di lei.

"Quanto spreco,poteva mangiare anche altro"

Disse Anais alla zia,poco dopo mentre erano in cucina.

"Ma che dici?
Sentì,per una volta cara non lo fare,non posso stare sempre in silenzio"

Matilde era preoccupata.

"Il silenzio è qualcosa che devi continuare a fare,come sempre.
Sei stata tu,a pagare quella donna"

Le rispose Anais.

"No cara,tu mi hai costretta,con le tue maniere da pazza!
Tua madre ti ha lasciata qui,perché non poteva occuparsi di te,solo dopo ho capito,che non era certo per i soldi.
Non hai ne amore,ne gratitudine"

Le disse Matilde.

"Dell'amore e della gratitudine,non ne ho bisogno e neppure tu,ed è inutile che tu mi parli in quel modo,sei nelle mia mani. . zia,quindi taci"

Anais la guardava freddamente.

Matilde annuì e tornò da Kaila.

"Ti chiedo scusa,non ti ho neppure mostrato la tua stanza"

Torna alla prima pagina 1/5 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it