Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


A te mamma....non soffrire
Scritto da lucenera
Categoria: Opinione
Scritto il 06/06/2018, Pubblicato il 06/06/2018 19.37.33, Ultima modifica il 06/06/2018 19.37.33
Codice testo: 662018193733 | Letto 80 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

A te mamma non saprei cosa dire.
Quando un figlio perde un genitore rimane orfano,una moglie che perde un marito è vedova e,viceversa,quando a perdere la moglie è il marito si dice vedovo.
Ma non esiste un termine per indicare una madre a cui muore un figlio.Probabilmente perchè nonostante accada spesso e da sempre che un genitore sopravviva ad un figlio la cosa rimane talmente innaturale che non si riesce a trovare ancora un termine.
So solo che tu mi dicevi sempre non posso neppure immaginarlo,perchè a quel punto io vorrei morire il giorno dopo,sarebbe troppo il dolore,non lo sopporterei per molto.
Mamy tu sei una donna unica,vorrei essere stata sempre un decimo di quello che eri tu.
Io come figlia non sono stata un granchè,per fortuna le grandi soddisfazioni ci hanno pensato le altre figlie a dartele.
Ma so che in qualche modo nel mio piccolo ti ho aiutata.
So che chiamarmi una mezz'ora per ripetermi una cosa che già mi avevi detto otto volte ti aiutava a sfogarti o che stare con me mezza giornata a fare la spesa era per te come l'andare in vacanza per qualche giorno.
So che era vero quando mi dicevi che in questa nostra piccola famiglia,che ne ha passate tante, avermi avuto quando proprio non stavi pensando alla terza figlia è stata una fortuna.
E in realtà non posso neppure immaginare quanto sia straziante per te non vedermi o non sentirmi più.
Ogni tanto guardandoti da quassù,ti vedo mentre ancora fai il mio numero.Non lo so perchè lo fai forse perchè ti dà l'impressione che da un momentoa all'altro possa risponderti e questo piccolo gesto ti fa sentire meglio.
O quando vai in cameretta dove ci sono ancora i fogli dove avevo appuntato qualche numero e la coperta con cui mi avvolgevo quando avevo più freddo.
Oppure quando annusi il pigiama che ho indossato l'ultima volta che sono stata a casa ed abbiamo dormito insieme.
Perchè anche quando si è grandi ogni tanto si può dormire con la mamma soprattutto se il papà ed il marito è ormai da troppo tempo che è volato su in cielo.
Ecco mamy non ti arrendere e non pregare di raggiungermi perchè in realtà io sono ancora lì a dormire con te.Basta che dirai il mio nome a bassa voce quando ti starai per addormentare e sentirai la mia mano che stringerà forte la tua.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it