Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Tutti gli amori di Flaminia Langdon (cap4)
Scritto da Pest Writer
Categoria: Narrativa
Scritto il 07/03/2018, Pubblicato il 07/03/2018, Ultima modifica il 07/03/2018
Codice testo: 732018185411 | Letto 91 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

...
Ma ecco arrivare gli incubi.
Hanno atteso, loro non vanno mai di fretta. Hanno lasciato che giungesse prima l'abbandono, l'oblio. Che ogni capacità reattiva venisse cancellata da un enorme bisogno di riposo.
In agguato, come fiere.
Eccoli, all'improvviso. Si presentano come una marea di volti, che sbucano dal nulla e si addensano accanto a lei. Ruotano attorno. Parlottano. Ridono. Le rivolgono domande di cui non riesce ad afferrare il senso. Nemmeno le parole, è l'inflessione ad essere interrogativa, ma cosa dicono, cosa vogliono? Volti privi di membra, come teste mozzate dal corpo. Molti sono sconosciuti. Alcuni noti, Terry, suo padre, Burt... Qualcun altro appartiene alla sua vita passata: si sorprende a riconoscere Hal... poi Douglas, Philip... infine il volto inanimato dell'uomo che ha ucciso nel parco. La faccia contratta da una smorfia di dolore, gli occhi spenti di un morto, privi di pupille. Ride come tutti. Fiotti di sangue sgorgano dalla gola aperta ad ogni risata e piovono su di lei, si riversano sul suo corpo nudo e le tingono di nero il seno, le braccia, il viso...
Si tira a sedere tutta sudata, di colpo sveglia. Il cuore batte furiosamente nel petto. Il respiro è faticoso. Doloroso. L'eco delle risate continua, nel suo cervello, anche quando i volti che la scherniscono scompaiono nel nulla dal quale erano venuti. Si spegne, gradatamente, man mano che riconosce gli oggetti nella camera, che non somigliano lontanamente ad alberi, cespugli, lampioni, panchine. È quando si rende conto di essere al sicuro, a casa sua, nel suo letto, che torna il silenzio. Spariscono le immagini di sangue dai suoi occhi, e riconosce la sensazione di appiccicaticcio che avverte come semplice effetto della patina di sudore che le ricopre il corpo. Sudore, non, come le era parso, sangue.
Forse, per la prima volta, ha coscienza di quanto è successo. Della portata di quello che è successo.
Ha ucciso un uomo.
Lei, Flaminia Langdon.
Uno sconosciuto, che era corso a soccorrerla.
...

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it