Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Lo zio
Scritto da naked lunch
Categoria: Narrativa - Altro
Pubblicato il 19/06/2001, Ultima modifica il 19/06/2001
Codice testo: 7442 | Letto 2753 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1


Era una domenica indifferente e stronza e se l’avessero tolta dal calendario nessuno ci avrebbe fatto caso perché era una domenica indifferente e stronza e lei era indifferente e stronza come quella domenica.
Ripensava al vecchio zio, a quanti anni erano intercorsi tra lei, lo zio e la vecchia casa.
Lo zio ultra settantenne, le cui scatarrate, puntuali come la morte, eloquenti come un porco dio, per tutta l’infanzia e buona parte dell’adolescenza, avevano rimbombato nel corridoio che precedeva il bagno, un corridoio marmoreo e spoglio il cui karma negativo, gli aveva imposto di essere sito proprio vicino al bagno, il bagno dello zio. Avrebbe potuto essere costruito in un teatro e fare da cassa di risonanza a un soprano, invece gli toccavano i baritoni dello zio che dopo ogni pasto, s’intratteneva nel cesso, almeno 20 minuti a litigare con il suo catarro, un catarro di dubbia provenienza, poiché lo zio non fumava ed era purtroppo, un modello esemplare di salute senile. Ogni pomeriggio, fosse un pomeriggio di trepidante estate o d’inverno silente, fosse tempestato di pioggia o vibrato dal vento, fosse un lunedì, un martedì o una domenica, fosse natale o il 2 novembre, ogni cazzo di pomeriggio, era battezzato dai rintocchi naftalinici delle campane di paese prima e dalle scatarrate dello zio, dopo. Cristina, si chiedeva e se lo era chiesta per tutta l’infanzia, se non esistesse una banca del catarro, un mercatino, un posto dove poter vendere non solo il catarro ma anche lo zio. Se lo era chiesto in vari momenti della sua crescita, compreso quello dell’età difficile, in cui era solita dopo pranzo, chiudersi nella sua stanza da figlia unica a tormentarsi il clitoride con le sue mani scarabocchiate da da 5 1/2 in compito di chimica. Ogni volta che le sembrava di poter accedere al significato della parola “orgasmo”, l’eco di una scatarrata prendeva le veci di un coito interrotto.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it