Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


SEMPLIFICAZIONE E SOPRAVVIVENZA
Scritto da patti
Categoria: Opinione
Scritto il 08/11/2018, Pubblicato il 08/11/2018 13.57.44, Ultima modifica il 08/11/2018 13.57.44
Codice testo: 8112018135743 | Letto 48 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


SEMPLIFICAZIONE E SOPRAVVIVENZA

Una delle capacità dell'uomo, che gli ha consentito di prolungare la sua esistenza fino ad oggi, è quella di riuscire a semplificare i grandi problemi che si trova a fronteggiare, questo gli permette di trovare quasi sempre una soluzione, magari sbagliata, ma che comunque lo fa andare avanti e sopravvivere appunto.

Quindi l'uomo è riuscito a vincere la complessità mediante la semplificazione, la totalità con la parzialità, la profondità con la superficialità; tutto questo sempre in nome della sopravvivenza, che resta il principio ultimo.

Mentre quegli uomini non troppo dotati di questa capacità, di fronte a problemi complessi restano paralizzati, non si accontentano di soluzioni parziali, continuano a riflettere cercando di considerare tutti i casi possibili e le possibili conseguenze; questi sono destinati a non sopravvivere, per la loro ansia di perfezione finiscono per non far nulla.

Ma è proprio perché questo secondo genere non considera la sopravvivenza il bene primario, non sviluppa la capacità di sopravvivenza, la sua vita è una continua lotta, non per sopravvivere, ma per vivere, vuole tutto o niente, la completa felicità.

Quante azioni nella vita, nel lavoro, nella politica, ma perfino negli affetti e nei sentimenti, hanno come obiettivo solo l'estendere lo status nel tempo, indipendentemente dalla sua qualità, rinviando la soluzione vera, quella che presupporrebbe l'analizzare la situazione nella sua complessa drammaticità.

Semplificare ci fa vincere la paura, ci fa trovare il coraggio perché fa più piccolo l'ostacolo nemico, ci mette a portata di mano il successo, ridimensionando lo scopo, il "chi si accontenta gode" ha fatto progredire l'umanità o ne ha solo evitato l’estinzione?

Ma chi ha infuso in questa parte di umanità la sete di assoluto a svantaggio del relativo? questo senso di infinito a discapito del senso del limite? per cui si è disposti a rifiutare anche a quello, poco o molto, che si ha, schiavi di una continua ricerca, a correre addirittura il rischio di perdere se stessi, una persona cara, a non avere una discendenza.

La incapacità di semplificare conduce questi uomini alla solitudine, nemmeno ad allearsi tra di loro, mentre i primi sono facilitati a incontrarsi, a tollerarsi e perfino a divertirsi, senza chiedersi cosa ne resta, importante aver guadagnato un altro giorno, un'altra storia da raccontare, da potersi vantare o da dimenticare.

I più non resistono allo sgomento del guardare nell'abisso e nel vago, vicino e distante, a bere tutto il calice del dolore, alla consapevolezza, hanno bisogno di credere certo l'insondabile, vicino l'irraggiungibile, visibile il nascosto, umano il divino.

Che sia più la sopravvivenza connaturale alla vita dell'uomo, degli esseri viventi e di tutto l'esistente è fuori dubbio, resta però l'interrogativo: se un giorno ci fermassimo e rinunciassimo all'approssimazione, una specie di sciopero della vita, verrebbe una nuova definitiva risposta?

Patti

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it