Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


L'incubo di Elisa
Scritto da Anais-
Categoria: Narrativa - horror/thriller
Scritto il 08/11/2018, Pubblicato il 08/11/2018 22.31.36, Ultima modifica il 08/11/2018 22.49.58
Codice testo: 8112018223135 | Letto 60 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/6 Pagina seguente


CAPITOLO 20




Non c'era possibilità alcuna,di salvarmi e di salvare la mia famiglia.
Sarei comunque morta,o avrei dovuto sopportare le torture di Isabel.
Tornata a casa, Isabel non mi disse nulla,ma non era certo un buon segno.
Ogni giorno,ero terrorizzata dal fatto che potessi davvero concepire,un'altro seguace di Isabel.
Passò qualche giorno,i sottomessi erano sempre più violenti.
Provai a contattare Madame Soraia e Lara senza ricevere risposta.
Forse non avevano nulla da dirmi.
Ma un pomeriggio,andai a comprare il necessario per la cena e decisi di passare da Madame Soraia.
La prima cosa che vidi,furono le auto della polizia,le ambulanze e un sacco di gente curiosa.
Ebbi un brutto presentimento.

"Cosa è successo?"

Domandai ad una donna che era ferma lì,a guardare.

"Soraia e Lara..povere donne.
Si presume un aggressione.. uccise in quel modo.."

Mi disse la donna.

"Uccise?"

Ero senza parole.

"Si,era qualche giorno che non si vedevano uscire di casa.
Proprio questa mattina,sono andata a bussare alla porta di casa ,ero preoccupata.
Ho visto che era aperta,sono entrata e..
Non ci posso pensare"

La donna era sconvolta.
Io, volevo avvicinarmi ma un agente di polizia,si piazzò davanti a me.

"Dove vorresti andare?"

Mi domandò.

Torna alla prima pagina 1/6 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it