Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Prima volta
Scritto da Vento
Categoria: Narrativa - erotico/romantico
Scritto il 09/04/2002, Pubblicato il 10/04/2002, Ultima modifica il 10/04/2002
Codice testo: 8832 | Letto 5867 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1


Mi son seduto raccogliendomi in una noce e con occhi di latte ti ho guardata per tutta la notte, ferma sotto un lenzuolo di cotone luminoso, stropicciato proprio dove le tue curve avrebbero aiutato il mio sguardo a scivolar meglio.

Hai scritto poesia sulla mia pelle prima e io ero schiacciato come un foglio, sotto il peso dell’incapacita’ di asciugare il mare di inchiostro che mi stavi offrendo. Lasciavo che le tue virgole di lingua dondolassero sul mio stomaco e i tuoi punti mi calcassero baci sul collo, sulle braccia, sulle gambe e tra le righe del petto.

Ero quasi scosso, spaventato dalla insolita potenza della tua passione, dalla forza dell’amore che mi stavi regalando e i miei movimenti meccanici attenti e calibrati a darti piacere e non dolore, mi lasciavano un gusto di falsita’ e ingiustizia.

Vedevo la fragilita’ che vedo ora nel tuo sonno, nonostante l’impeto e il desiderio che ti rendevano ballerina di flamenco sul mio palco, ed ero spaventato.

Ora vibro di voglia d’accarezzarti ma non voglio svegliarti dal sonno sereno che quell’abbozzo di sorriso, messo li come dipinto su tela, esprime incantevolmente. Continuo a fissarti come se da un momento all’altro io potessi svanire nel nulla, come fossi un tuo sogno.

E penso che vorrei esserlo: solo un sogno. Sparire domani, lasciandoti una emozione; sparire senza soffrire ne’ farti soffrire. Sarebbe cosi’ facile mentre, invece, saro’ costretto a darti delusioni oltre a tutta la felicita’ di cui saro’ capace.


Dario Carta

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it