Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Il pozzo dei desideri
Scritto da Anais-
Categoria: Narrativa - horror/thriller
Scritto il 09/11/2018, Pubblicato il 09/11/2018 00.25.59, Ultima modifica il 09/11/2018 11.01.36
Codice testo: 911201802559 | Letto 63 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/5 Pagina seguente


"Getta due monete in fondo al pozzo dei desideri,guarda la luna, parlagli.
Prometti loro,una ricompensa ,sii devota alla promessa fatta,ed avrai ciò che vuoi.
Poi torna da me e dammi almeno qualche moneta per poter mangiare"

La zingara,aveva intuito,che tipo di donna avesse davanti.
Frivola,senza sentimenti.
Sicuramente, avrebbe fatto, ciò che gli aveva detto.
Le monete, raggiunsero l'acqua cristallina del pozzo.
Ironica,sorride al suono delizioso, prodotto dall'eco.
La fanciulla era beata,col suo desiderio appena espresso,che sentiva,si sarebbe avverato.
Un uomo,con denaro e bellezza.

"Non lo amerò.
Non è amore che voglio donare,ne ricevere.
Lo userò,per comprare vestiti, gioielli, profumi"

La fanciulla,spavalda,
alza gli occhi al cielo.
La luna piena, riflette la sua luce, nell'acqua del pozzo.

"Il pozzo esaudirà,il mio desiderio.
Tu,farai in modo,che lui stia ai miei piedi.
Concedetemi il desiderio ed ogni sera,per un anno, verrò qui a contemplare te luna,ed a gettare monete d'oro,in fondo al pozzo"

Sembrava impazzita.
Ma il desiderio,si avverò.
Un uomo ricco e bello,la sua mano chiese.
Lei,non lo amava,lo usava per i suoi scopi.
Gioielli, vestiti, profumi.
Denaro,speso in capricci,sempre più insopportabili.
Ma la fanciulla,non mantenne la promessa.
Non andò a contemplare la bellezza della luna,ne gettò monete d'oro,in fondo al pozzo,ne tornò dalla zingara.
Una mattina,la fanciulla si svegliò,ed il suo uomo accanto,non trovò.
C'erano solo i suoi capricci,che si era permessa,col denaro di lui.
Ma non c'era più denaro,nella cassaforte segreta.
Non c'era la sua governante,ne il maggiordomo,ne la cameriera.

"Quello stupido!
Dove è andato!"

Si domandò la fanciulla.

Torna alla prima pagina 1/5 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it