Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Il Sinistro
Scritto da Amorcita
Categoria: Narrativa - Altro
Scritto il 09/07/2018, Pubblicato il 09/07/2018 14.34.44, Ultima modifica il 09/07/2018 14.34.44
Codice testo: 972018143444 | Letto 110 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Nota dell'autore Amorcita:
Dove può arrivare la fantasia!...via, riconoscetemi almeno questo, perbacco!

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente


Tutti gli anni, da quando abitiamo a Torino, per le vacanze si torna al paese di mia madre, dove anch'io sono nata. Più di mille chilometri di viaggio, in treno ma anche in pullman, per il tratto finale.
Lì a Villasanta ci abitano tutti i parenti della mamma, e fra questi quello che più appare sbalorditivo è zio Franco, che tutti chiamano Francolino, perché è piccolo e minuto.
La prima volta che l'ho visto, mentre io ero a bocca aperta e non potevo staccare gli occhi dalla sua ossuta spalla destra, priva completamente del braccio, lui mi ha sorriso e mi ha detto:
« Per te sono Francolino, ma in paese mi chiamano Il Sinistro » , e mentre mescolava i miei riccioli con le sue abili dita dell'unica mano, la sinistra appunto, si faceva una bella fragorosa e sana risata.
Zio Francolino, forse per natura o magari per il fatto che è stato colpito da un grave incidente agricolo da bambino, è uno senza peli sulla lingua. Pane al pane, vino al vino. Garbatamente, a volte, ma diretto. Non te le manda certo a dire.
« Più visto tuo padre? Meglio così, credi a me »
Poi, per rincuorarmi, dal momento che mi ero intristita, aggiunse:
« Quel giorno che se n'è andato, si è aperta la gabbia, per te e tua madre. Oggi siete donne libere. Dovreste festeggiare »
Mia madre gli vuole bene come fosse un fratello, ma in realtà è un cugino di secondo grado. Per come lui la guarda, credo proprio che sia anche un po' innamorato.
Quante cose ci sarebbero da dire di Francolino. Il suo attaccamento alla vita è proverbiale, e il fatto che abbia un braccio solo non lo limita in niente. Guida l'automobile, un grosso automezzo che sembra quasi un piccolo camion, trattori, macchine agricole, e scavatrici. Tutto con un solo braccio. Quel che riesce a fare con il braccio sinistro ha dell'incredibile. E quanto ci scherza, su questo suo handicap.
Sentite qualche battuta:
“ Sono fortunato: i miei figli, fin da bambini, hanno subito capito che mi dovevano dare una mano...”
Se invece qualche contadino viene a chiedergli un aiuto, magari per arare o mietere il grano, ecco come risponde alla domanda: Francolino, puoi darmi una mano...?
“ Se ti do una mano, resto senza... “
E invece si fa in quattro, per aiutare un amico.
Zio Francolino è un uomo moderno, di ampie vedute. Anni fa si è proposto come candidato sindaco di Villasanta, dopo aver formato il partito degli Agricoltori, al quale ha dato il bel nome: Spiga Dorata.
Essendo di orientamento politico di sinistra, come slogan usava la frase: Con la destra non ho mai avuto niente a che vedere.
Famose alcune sue frasi, critiche su proverbi e detti antichi:
“ Chi dice che una mano lava l'altra non sa che una mano si può lavare anche da sola. È il cervello che serve, e non solo a lavarsi “
A volte finge di arrabbiarsi, magari con qualche suo dipendente, e molti sono indiani addetti a custodire le centinaia di mucche che ha nelle stalle, ed allora fa la faccia cattiva e urla:
« Se non la smetti e non fai come ti dico, ti sferro un gancio destro... »
Oppure un'altra grande frase spiritosa è questa:
« Io sono Il sinistro, ma son destro a fare ogni cosa »
E il bello è che è vero.
È anche un allevatore moderno, zio Francolino. Quando ha saputo che le sue vacche olandesi a macchie bianche e nere producono più latte se ascoltano la musica mentre ruminano, ha fatto installare un impianto di alta fedeltà nelle stalle con diffusori posti nelle vicinanze degli animali, sia nelle corsie dove mangiano il fieno che nelle stalle dove vengono munte.
Le sue musiche preferite sono quelle classiche, con particolare riferimento a Beethoven. E se qualche visitatore, per farsi bello e dimostrare la sua competenza musicale, gli dice:
« Che musica è...la nona di Beethoven? » , lui risponde:
« No, la nonna »

Torna alla prima pagina 1/2 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it