Tutti i testi  |  Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere i testi segnalati e le novità di Alidicarta.it!
Iscrivendoti accetti i termini

Menù Principale

Home Page
Iscriviti gratis
Scrivi il tuo testo
I testi segnalati

Richieste di commento
Archivio articoli e notizie
Blog degli autori
Forum

Categorie Testi

 Poesia
 Opinione
 Narrativa
 Cinema e Teatro
 Epistolare
 Recensione
 Speciale Mantova
 Altro

Su di noi
Chi siamo
Regolamento
Il nostro progetto
Riconoscimenti
Collabora con noi
Contatti

Pubblicità
Copyright

Supportaci!


Statistiche del sito
Autori iscritti: 6217
Testi pubblicati: 381237
Commenti: 226810
Letture totali: 827899745
Letture oggi: 210
Autori collegati: 282


Il Blog degli autori di Alidicarta.it BETA

Questo blog è tenuto dagli autori di alidicarta che liberamente possono postare le loro riflessioni, le loro esperienze e tutto ciò che passa loro per la testa. Per conoscere le regole del blog e parteciparvi clicca qui
cosa lasceremo ai nostri figli in un modo che ha perso ogni senso
Scritto da Pramantha Aggiungi Pramantha ai tuoi autori preferiti il 12/11/2015 12.20.10


Mi sono ultimamente chiesto quale eredità morale noi lasceremo ai nostri figli, in relazione all'attuale contemporaneità che vede prevalere i valori più effimeri che sostanziali del comportamento umano
Io registro un personale disorientamento che viene anche sostenuto dal ruolo deleterio che stanno assumendo la maggior parte dei nostri mezzi di comunicazione, dallaTV ai giornali dove è prevalente la valorizzazione degli aspetti dell'apparire e del possedere, dove il valore è rapportato al tuo status o a quello che sembra possedere e non a quello che una persona è veramente.. Sono smarrito è mi sento un sopravvissuto quando cerco, attraverso la discussione con i miei figli, di far prevalere gli aspetti valoriali del comportamento umano, quando tutto intorno a noi invece va in un'altra direzione dove il riconoscimento sembra essere quello di premiare l'avere piuttosto che l'essere.


Commenti
Tutto concorre ad una superficialità di conportamenti che è funzionale ad un atteggiamento gregario non indipendente, in particolare per quanto riguarda l'acquisizione di una consapevolezza del valore della libertà di pensiero e l'originalità...
Scritto da Pramantha il giorno 12/11/2015 21.31.31

... contrapposto al conformismo dilagante.
Scritto da Pramantha il giorno 12/11/2015 21.32.06

Quello che hai scritto e' vero. Io penso pero' che i ragazzi piu' che ascoltare le nostre parole osservano il nostro comportamento, spesso troppo contraddittorio. E' questo che ci frega.
Scritto da SIDDHARTA il giorno 29/11/2015 11.08.11

è certamente vero quello che dici, però io intendevo rappresentare l'insieme della nostra società che ormai sta proponendo un modello generalizzando dove sono prevalenti alcuni disvalori che invece vengono come autentici e importanti,
Scritto da Pramantha il giorno 30/11/2015 00.07.45

non vedo nessun sostegno a modelli divergenti e a valori alternativi che possano essere altrettanto attraenti per coloro che intendono dissociarsi dal vuoto conformismo dilagante... Avverto solitudine sociale
Scritto da Pramantha il giorno 30/11/2015 00.14.30

Sinceramente penso che oramai siamo tutti troppo impantanati per salvarci.
Scritto da SIDDHARTA il giorno 03/12/2015 19.30.07

Noi ragazzi di oggi siamo stati educati ad essere schiavi del dio denaro dalla generazione che ci ha preceduto e in questo momento di crisi economica mondiale molti di noi si ritrovano senza lavoro e quindi senza soldi e sentono di non valere nulla
Scritto da solitudine80 il giorno 02/02/2016 15.05.37

Ho 68 anni e sono molto dispiaciuto di tutto. Sopratutto per voi giovani, compresi i miei figli. Deluso perché la società che nel 1968 si contestava era assolutamente migliore di quella di oggi. Deluso per la non comprensione di ciò che accade.
Scritto da Robin il giorno 07/04/2016 00.31.12

Rivoluzione culturale: bisogna cambiare il modo di pensare collettivo. Non più idee e valori di destra o di sinistra, cristiani o laici, o seguendo altre categorie ideologiche. Bisogna capire cosa accade e a questo fine essere scientifici, realistici
Scritto da Robin il giorno 07/04/2016 00.36.48

occorre capire come si muove il fiume che ci trascina. capire il fenomeno come si studia il corpo umano, le molecole e le stelle. occorre capire la storia e questo brutto momento storico. è in ballo il nostro futuro, il futuro di voi giovani.
Scritto da Robin il giorno 07/04/2016 00.39.08

Se, quando ero giovane, mi avessero detto che la situazione italiana e non solo, sarebbe diventata ciò che è oggi, sarei scoppiata a ridere. Sono incredula e allibita dal disfacimento morale dei popoli e dal disorientamento dei giovani.
Scritto da DIGRA il giorno 10/04/2016 16.38.51

Bisogna lottare, e basta, per cambiare questo schifo...
Scritto da Il Poeta del Cuore il giorno 12/04/2016 16.37.18

Nessuno sente la necessità di cambiare, non quelli che ormai fanno parte di questo nuovo modo di pensare e di essere. Molte generazioni stanno nascendo vuote, senza passioni, senza obbiettivi.
Scritto da GG il giorno 08/11/2016 10.16.57

Il loro unico pensiero è accendere il cellulare e vedere quanto è stata apprezzata l'ultima foto che hanno pubblicato. Sono rimasta delusa dal fatto che ho chiesto a tanti bambini cosa volessero fare da grandi e nessuno mi ha risposto.
Scritto da GG il giorno 08/11/2016 10.17.54

è surreale. è quasi impossibile non avere un sogno nel cassetto, una fantasia. Quando ero bambina, conoscevo bene il mio sogno, e sapevo rispondere. Fino ai 13 anni ho giocato, con amici e amiche, con la fantasia, e non me ne vergogno.
Scritto da GG il giorno 08/11/2016 10.20.57

Ma il mio parere è che per quanto influenzabile sia il mondo esterno, spetta anche a noi prossimi genitori o genitori, far si che certe cose non accadano.
Scritto da GG il giorno 08/11/2016 10.22.23

Non puoi chiudere tuo figlio in casa e privarlo di una "vita sociale" (che pure quella sta svanendo) ma puoi sempre parlare. Non sapete quanto avrei dato perchè i miei genitori mi dessero spiegazioni quando gliele chiedevo, invece di un "Perchè è no"
Scritto da GG il giorno 08/11/2016 10.23.47

Vuoi scrivere un commento a questo testo?
Se sei già autore di Alidicarta fai il login.
Altrimenti iscriviti come autore e potrai scrivere testi, commenti e partecipare a tutte le attività della comunity di Alidicarta.it

- Scrivi il tuo post
- Leggi le regole

Archivio del blog

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

Su di noi
- Chi siamo
- Il nostro progetto
-
Termini e condizioni di utilizzo
- Pubblicità
-
Riconoscimenti

Strumenti
- Collabora con Alidicarta.it
- Feed RSS dei testi di Alidicarta.it
- Bottone Alidicarta.it per la Google Bar
- Alidicarta.it su Facebook
- Press kit
Help
- Contatta lo staff
- Regolamento
- Copyright

© 2001-2017   - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore - Vietata la riproduzione - PI:02102630205
Link esterni:
idee regalo | www.codicesconto.com | | Hosting www.dominiando.it